Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli hacker possono vincere 100.000 dollari per violare i siti russi.

Un “hackathon” globale che chiede ai volontari di aiutare ad esporre le vulnerabilità del software russo è iniziato il 4 mattina (2:00 GMT), mentre la frenetica difesa dell’Ucraina contro Mosca ha preso la sua ultima svolta non convenzionale. 

La società di sicurezza informatica con sede a Kiev Cyber ​​Unit Technologies sta organizzando il gigantesco sforzo da parte degli hacker globali, promettendo una ricompensa di 100.000 dollari, pagabile in criptovaluta ai migliori attacchi online contro i siti Web russi (l’azienda chiede anche donazioni per aumentare il piatto per la ricompensa). 

La competizione globale – soprannominata “Fuck Hack Russia” – è l’ultima di uno sforzo informatico senza precedenti per respingere l’esercito di Mosca, che questa settimana continua a bombardare le città ucraine. 

L’organizzatore di Hackathon e cofondatore di Cyber ​​Unit, Yegor Aushev, lo ha definito un

Advertisements

“esercito informatico decentralizzato da tutto il mondo”. 

Dice che oltre 500 persone, inclusi ucraini che lavorano nel settore tecnologico del paese e estranei, si sono fatte avanti finora per fare volontariato.

“Siamo fantasmi”

Ciò segue l’insolito appello di sabato del vice primo ministro ucraino Mykhailo Fedorov ai volontari globali per formare un “esercito informatico”. 

Fedorov ha affermato che l’esercito si starebbe organizzando sull’app di messaggistica crittografata Telegram, dove i volontari sarebbero stati in grado di completare “compiti operativi”. 

Questo sforzo improvvisato, che sembra avere un proprio account Twitter,  chiede apertamente agli hacker di collaborare con il gruppo internazionale Anonymous per attaccare i sistemi informatici russi.

Advertisements

“Siamo fantasmi che attaccano la Russia e gli occupanti russi” 

Alcuni gruppi di hacker stanno rivendicando vittorie anticipate. Gli ucraini hanno ricevuto il sostegno di un gruppo di attivisti bielorussi chiamato Cyber-Partisans. Questo gruppo afferma che il suo attacco informatico alla rete ferroviaria bielorussa domenica ha interrotto i movimenti delle truppe russe in Ucraina (Sifted non ha potuto verificare in modo indipendente le affermazioni del gruppo). 

Un portavoce di Cyber-Partisans afferma che sta

“cercando di coordinare tutti i gruppi informatici ucraini attraverso un mezzo di comunicazione sicuro”.

Altri gruppi di hacker includono la Georgian Hackers Society, i cui membri si stanno scambiando suggerimenti sull’interruzione sul social hub Discord. 

“Siamo fantasmi che attaccano la Russia e gli occupanti russi”

dice un membro anonimo a Sifted. 

Advertisements

Impatto incerto

Tanya Lokot, professore associato presso la Dublin City University, specializzato in questioni di protesta e diritti digitali nell’Europa orientale, dice a Sifted che la

“lunga tradizione di organizzazione e attivismo” dell’Ucraina ha contribuito ad alimentare questo “sforzo erculeo”. 

Anche le loro connessioni con la comunità tecnologica occidentale si stanno rivelando utili, aggiunge.

“I professionisti IT ucraini lavorano a stretto contatto con molti mercati occidentali, quindi ci sono reti preesistenti lì. Agli occhi dell’opinione pubblica le istituzioni statali russe hanno subito un duro colpo e le percezioni contano”

“In un momento in cui molti provano un travolgente senso di impotenza, i takedown e gli hack-back sono diventati uno sfogo per quelle emozioni”

afferma Alp Toker, direttore di NetBlocks, un watchdog che monitora la sicurezza informatica. È meno chiaro quanto saranno efficaci gli attacchi informatici guidati dalla comunità nel rallentare la macchina da guerra russa, ma aggiunge:

“ma agli occhi dell’opinione pubblica le istituzioni statali russe hanno subito un duro colpo e le percezioni contano”.

Advertisements

Per lo meno, gli attacchi informatici difensivi “certamente causeranno fastidio e frustrazione”

Afferma Tim Stevens, direttore del Cyber ​​Security Research Group al King’s College di Londra. 

“Quello che non abbiamo visto così chiaramente prima è la mobilitazione di hacker domestici e comunità IT in difesa di una nazione sovrana”.