Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli Stati Uniti uniscono 30 paesi per interrompere gli attacchi ransomware globali

Venerdì scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti riuniranno 30 paesi per reprimere congiuntamente le bande di ransomware dietro una raffica di attacchi che colpiscono le organizzazioni di tutto il mondo.

“Questo mese, gli Stati Uniti riuniranno 30 paesi per accelerare la nostra cooperazione nella lotta alla criminalità informatica, migliorare la collaborazione delle forze dell’ordine, arginare l’uso illecito della criptovaluta e impegnarsi diplomaticamente su questi problemi”

ha affermato oggi il presidente Biden.

“Stiamo anche collaborando strettamente con le nazioni di tutto il mondo su queste minacce condivise, compresi i nostri alleati della NATO e i partner del G7.”

Inoltre il presidente ha aggiunto:

“Mi impegno a rafforzare la nostra sicurezza informatica rafforzando la nostra infrastruttura critica contro gli attacchi informatici, interrompendo le reti ransomware, lavorando per stabilire e promuovere regole chiare per tutte le nazioni nel cyberspazio e chiarire che riterremo responsabili coloro che minacciano la nostra sicurezza”.

Questo annuncio arriva come risposta ai recenti attacchi, inclusi gli attacchi ransomware a Colonial Pipeline , JBS Foods e Kaseya negli Stati Uniti, che hanno rivelato vulnerabilità significative in infrastrutture critiche in tutto il mondo.

Advertisements

Il presidente Biden ha anche emesso un memorandum sulla sicurezza degli Stati Uniti per rafforzare la sicurezza informatica delle infrastrutture critiche della nazione fissando obiettivi di prestazioni di base per i proprietari e gli operatori di infrastrutture critiche.

Il vice consigliere per la sicurezza nazionale Anne Neuberger ha esortato le aziende statunitensi a prendere sul serio il ransomware.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha aggiunto che gli Stati Uniti agiranno contro i gruppi di ransomware che operano all’interno dei confini della Russia se

“il governo russo non può o non vuole”.

Da allora, Mosca e Washington sono riuscite a riprendere la cooperazione in più aree, con diversi successi sulle bande Evil Corp., TrickBot e REvil.

Advertisements

Sicuramente, vista l’escalation del problema “ransomware”, l’ordine del giorno di Biden vede questo argomento come uno tra gli argomenti più caldi da trattare, ed è giusto che questo sia così.