Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli Stati Uniti vogliono limitare la Cina nella produzione di chip a 14nm

L’amministrazione statunitense sta valutando la possibilità di imporre nuove sanzioni mirate contro l’industria cinese dei semiconduttori. Le nuove misure potrebbero mirare a frenare i progressi del più grande produttore di chip cinese, SMIC, ma non dovrebbero rallentare il flusso di chip nell’economia globale. Relativamente a questo scrive Reuters, citando delle fonti.

Il Dipartimento del Commercio statunitense, che sovrintende alla politica di esportazione, sta discutendo attivamente la possibilità di vietare le esportazioni di strumenti per la produzione di chip a quelle fabbriche cinesi che producono semiconduttori avanzati al nodo di 14 nanometri, hanno detto le fonti di Reuters, per ostacolare gli sforzi della Cina.

Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC) ha al momento le apparecchiature per la produzione di chip a 10 nm e annunciò nel 2019 l’inizio la produzione di chip a 14 nm.

Se l’idea va avanti, sarebbe la prima volta che il Dipartimento del Commercio adotta ufficialmente un approccio di questo tipo e consentirebbe all’amministrazione Biden di rafforzare i controlli sulle esportazioni sulle fabbriche più avanzate di SMIC, consentendo al contempo il flusso di strumenti alle sue strutture che producono chip per le automobili e l’elettronica di consumo di tutti i giorni.

Advertisements

Ciò, a sua volta, aiuterebbe a promuovere l’obiettivo degli Stati Uniti di fermare il progresso della Cina verso la produzione di semiconduttori avanzati, per salvaguardare la competitività e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.