Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli sviluppatori di App Mobile lasciano spesso credenziali hardcoded di AWS utili per attacchi disastrosi

Il team Symantec Threat Hunter di Broadcom Software ha avvertito che gli sviluppatori di app mobili spesso espongono le credenziali di Amazon Web Services (AWS) nel loro codice e tale negligenza potrebbe rappresentare una minaccia per l’intera catena di approvvigionamento.

In totale, i ricercatori hanno trovato 1.859 app contenenti credenziali hardcoded di AWS, la maggior parte (98%) delle quali sono app iOS. Nelle applicazioni Android sono state trovate solo su 37 unitài.

Circa il 77% delle applicazioni studiate conteneva token di accesso validi per AWS, che possono essere utilizzati per accedere direttamente al servizio di cloud privato. Inoltre, 874 applicazioni contenevano token validi per AWS che potevano essere utilizzati per accedere al cloud, dove sono archiviati database di servizi in esecuzione contenenti milioni di record.

In genere, tali database archiviano informazioni sull’account utente, registri, informazioni di registrazione e altri dati sensibili, a seconda del tipo di applicazione.

Advertisements

Nel loro report, gli analisti hanno evidenziato tre chiari esempi di come una fuga di token AWS possa avere conseguenze disastrose sia per gli autori di un’applicazione che per gli utenti.

Un esempio è stata una società B2B senza nome che fornisce servizi di comunicazione e intranet a oltre 15.000 piccole e medie imprese. L’SDK che questa azienda mette a disposizione dei propri clienti per accedere ai servizi contiene chiavi AWS che rivelano tutti i dati personali del cliente archiviati sulla piattaforma.

Un altro caso è l’SDK utilizzato per l’identità digitale e l’autenticazione di terze parti, utilizzato da diverse app bancarie iOS. Grazie alle credenziali hardcoded nel cloud, sono disponibili tutte le informazioni di autenticazione di tutti i clienti di queste banche (circa 300.000 persone), inclusi nomi, date di nascita e persino dati biometrici (impronte digitali).

Gli esperti di Symantec hanno anche scoperto una piattaforma di scommesse sportive vulnerabile che utilizzata da 16 applicazioni di gioco online. A causa di un errore degli sviluppatori, la piattaforma ha esposto l’intera infrastruttura e i servizi cloud, garantendo ai potenziali aggressori autorizzazioni di lettura e scrittura a livello di amministratore.

Advertisements