Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli USA inseriscono WeChat e AliExpress nei mercati che vendono merce contraffatta.

Le autorità statunitensi hanno aggiunto la piattaforma di messaggistica cinese WeChat e il mercato online AliExpress al loro elenco di mercati di contraffazione e pirateria, che include ogni anno i più noti trasgressori dei diritti di proprietà intellettuale.


AliExpress (di proprietà di Alibaba Group Holding) e WeChat (di proprietà di Tencent Holdings) sono due importanti mercati online in Cina che “facilitano una significativa contraffazione dei marchi”ha affermato l’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti in una nota.


L’Autorità ha iniziato a pubblicare l’elenco nel 2011 per sensibilizzare l’opinione pubblica e aiutare gli operatori del mercato e i governi a dare priorità ai loro sforzi per proteggere i diritti relativi alla proprietà intellettuale.


Nel 2021 sono stati identificati 42 mercati online e 35 mercati fisici coinvolti o facilitati in significative contraffazioni di marchi o violazioni del diritto d’autore.

Advertisements

“Ciò porta a una condivisione delle migliori pratiche su come le aziende possono affrontare il problema sempre crescente di contraffattori e hacker che utilizzano queste piattaforme”

ha affermato Robert Holleyman, che ha aiutato a supervisionare l’elenco come vice trader, rappresentante degli Stati Uniti presso il presidente Barack Obama.


I detentori del copyright notano un aumento significativo del numero di merci contraffatte offerte in vendita su AliExpress. Questi includono merci apertamente pubblicizzate come contraffatte e merci specificamente pubblicizzate come autentiche.


Alibaba ha affermato che la società è consapevole dei problemi di proprietà intellettuale. mentre Tencent, a sua volta, è categoricamente in disaccordo con questa decisione, rilevando che investe molto nella lotta alla contraffazione e alla violazione dei diritti di proprietà intellettuale.

Advertisements


Secondo l’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti, WeChat e Weixin (la versione cinese di WeChat) sono considerate tra le più grandi piattaforme per merci contraffatte in Cina, con oltre 1,2 miliardi di utenti attivi in ​​tutto il mondo (a partire dal 2021).