Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli USA vogliono applicare sanzioni a Huawei per la cooperazione con la Russia

La cinese Huawei potrebbe essere soggetta a nuove sanzioni statunitensi per l’espansione della cooperazione con la Russia, ha riferito giovedì il Financial Times.

In precedenza, l’azienda aveva perso la possibilità di utilizzare i servizi Google sui propri dispositivi. YouTube, Google Play, Google Maps e app simili non sono disponibili sui dispositivi Huawei.

Secondo la pubblicazione, i quattro centri di ricerca russi di Huawei stanno assumendo dozzine di ingegneri, inclusi specialisti di apprendimento automatico a Novosibirsk, ricercatori di riconoscimento vocale a San Pietroburgo e analisti di dati a Nizhny Novgorod. Huawei ha anche ampliato le opportunità di vendita e sviluppo del business a Mosca dal 24 febbraio.

Il materiale rileva che le vendite di smartphone cinesi in Russia nella prima metà di marzo sono aumentate del 300%. Allo stesso tempo, Huawei e Xiaomi rischiano di violare le sanzioni occidentali se continuano a fornire telefoni alla Russia, poiché i loro prodotti sono spesso fabbricati utilizzando apparecchiature americane, quindi le aziende devono ottenere l’approvazione degli Stati Uniti per l’esportazione dei prodotti.

Advertisements

Il governo della Federazione Russa ha inviato una richiesta a una società di informatica per il supporto nella modernizzazione della penisola di Crimea, a causa della quale l’Occidente potrebbe nuovamente imporre sanzioni alla società. Ci sono informazioni secondo cui la repubblica sta attualmente sostituendo le reti di telecomunicazioni americane con delle nuove, con il supporto di Huawei e ZTE.

Le autorità americane ritengono che le aziende stiano violando le sanzioni occidentali con le loro azioni, poiché nella produzione dei loro prodotti vengono utilizzate apparecchiature americane.

L’ex funzionario del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti Kevin Wolf ha sottolineato che le aziende cinesi “non possono fornire legalmente le loro merci alla Russia”.

Advertisements