Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

I bug del 2020 di Cisco vengono ancora sfruttati attivamente. Attenzione alla combinazione dei bug a bassa Severity

Un paio di vulnerabilità di sicurezza note in Cisco AnyConnect Secure Mobility Client per Windows vengono attivamente sfruttate in natura, nonostante siano state patchate per oltre due anni.

Il gigante del networking avverte che i gruppi di criminalità informatica stanno mettendo in servizio due bug di escalation dei privilegi locali (LPE), con catene di exploit attive contro la piattaforma VPN osservate a partire da questo mese.

Il primo difetto (CVE-2020-3153 , con un punteggio CVSS di 6,5) consentirebbe a un utente connesso di inviare un messaggio IPC appositamente predisposto al processo AnyConnect per eseguire il dirottamento della DLL ed eseguire codice arbitrario sulla macchina interessata con privilegi SYSTEM.

Il secondo problema (CVE-2020-3433 , con un punteggio CVSS di 7,8) potrebbe consentire a un utente connesso di copiare file arbitrari in directory a livello di sistema con privilegi SYSTEM.

“Nell’ottobre 2022, il Cisco Product Security Incident Response Team è venuto a conoscenza di ulteriori tentativi di sfruttamento di questa vulnerabilità “

ha osservato Cisco negli avvisi aggiornati.

Questo mostra il pericolo che le vecchie vulnerabilità continuano a rappresentare per le aziende. 

Le patch LPE sono spesso de-priorizzate negli aggiornamenti che le aziende devono affrontare ogni mese, ma le catene di exploit spesso combinano più bug per creare delle esecuzioni di codice remoto (RCE) consentendo l’accesso iniziale ad una infrastruttura informatica.

Anche la US Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) questa settimana ha aggiunto i bug al suo catalogo KEV (Known Exploited Vulnerabilities), assieme ad altri quattro bug ancora più vecchi nei driver di gioco e grafici Gigabyte di Cisco (CVE-2018-19320CVE-2018- 19321CVE-2018-19322CVE-2018-19323). 

Sophos ha segnalato lo sfruttamento di quest’ultimo all’inizio del mese da parte della banda di ransomware BlackByte.