Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

I Criminali Informatici Dichiarano di Possedere i Dati di Aruba SpA: Oltre 10.400 Record Presumibilmente Sottratti. Aruba smentisce coinvolgimento

Pietro Melillo : 11 Giugno 2024 08:46

Un attore malevolo ha recentemente annunciato su un noto forum underground la messa in vendita di un database presumibilmente sottratto all’azienda italiana Aruba S.p.A. Si tratta di una delle principali aziende italiane di web hosting e registrazione domini.

Da quanto è stato riportato nel post dal threat actors, il database, descritto contiene circa 10.400 record. Il threat actors risulta attivo sul forum dal 2021 e ha pubblicato oltre 200 messaggi.

Post pubblicato da un threat actors sul forum underground

I file è in formato XLS ed il record include informazioni personali dettagliate, tra cui:

  • id
  • nome
  • cognome
  • codice_fiscale
  • data_nascita
  • nazione_nascita
  • luogo_nascita_id
  • nazione_nascita_estero
  • luogo_nascita_estero
  • indirizzo_residenza
  • note
  • email
  • pec
  • telefono
  • tel_ufficio
  • cellulare
  • fax
  • codice_socio
  • numero_tessera
  • titolo_studio
  • professione
  • societa
  • settore
  • nazione_residenza
  • numero_civico_residenza
  • cap_residenza
  • comune_residenza_id
  • nazione_residenza_estero
  • luogo_residenza_estero
  • nazione_domicilio
  • indirizzo_domicilio
  • numero_civico_domicilio
  • cap_domicilio
  • comune_domicilio_id
  • nazione_domicilio_estero
  • luogo_domicilio_estero
  • created_at
  • updated_at
  • iscritto
  • sesso
  • titolo
  • codice_go
  • motivazione_chiusura
  • mastro_id
  • socio_moroso
  • data_ultima_morosita
  • socio_assente_35
  • socio_no_certificato
  • socio_parente
  • saldo_buffetti_caricato

L’attore ha pubblicato un campione dei dati rubati per dimostrarne l’autenticità e invita gli acquirenti interessati dicendo di contattarlo privatamente per negoziare il prezzo.

Intorno alle ore 11:11, Aruba scrive a Red Hot Cyber riportando quanto segue: “Smentiamo categoricamente la notizia che è circolata questa mattina in merito ad un presunto breach riguardante dati di cui Aruba è titolare. Lo stesso attaccante ha appena aggiornato le informazioni pubblicate, precisando il reale soggetto vittima dell’azione. Le verifiche svolte nel frattempo ci hanno portato ad individuare il soggetto interessato, che è stato avvertito.”.

Infatti successivamente il threat actors ha modificato il post riportando che ad essere coinvolta non era Aruba ma bensì un’altra azienda, come riportato in un nostro successivo articolo.

Come nostra consuetudine, lasciamo sempre spazio ad una dichiarazione da parte dell’azienda qualora voglia darci degli aggiornamenti sulla vicenda. Saremo lieti di pubblicare tali informazioni con uno specifico articolo dando risalto alla questione.

RHC monitorerà l’evoluzione della vicenda in modo da pubblicare ulteriori news sul blog, qualora ci fossero novità sostanziali. Qualora ci siano persone informate sui fatti che volessero fornire informazioni in modo anonimo possono utilizzare la mail crittografata del whistleblower.

Pietro Melillo
Ingegnere Informatico specializzato in Cyber Security con una profonda passione per l’Hacking e la tecnologia, attualmente CISO di WURTH Italia, è stato responsabile dei servizi di Cyber Threat Intelligence & Dark Web analysis in IBM, svolge attività di ricerca e docenza su tematiche di Cyber Threat Intelligence presso l’Università del Sannio, come Ph.D, autore di paper scientifici e sviluppo di strumenti a supporto delle attività di cybersecurity.