Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca
Crowdstrike
Crowdstrike

I dati dei bambini sono Online! L’APP di Parental Control KidSecurity per un errore ha fatto trapelare 300 milioni di record

Redazione RHC : 13 Aprile 2024 08:28

A causa delle carenze degli sviluppatori dell’applicazione di controllo parentale KidSecurity, sono trapelate informazioni sensibili sui bambini, inclusa la loro geolocalizzazione e messaggi personali.

Il problema è stato identificato dal team di ricerca Cybernews a febbraio. Si è scoperto che per più di un anno i dati raccolti dai dispositivi dei minori erano disponibili a tutti gli utenti a causa di un sistema di autenticazione Kafka Broker Cluster configurato in modo errato. L’analisi dei dati ha mostrato che la fuga di notizie ha colpito utenti in tutto il mondo, compresi l’Europa orientale e il Medio Oriente.

Con oltre 1 milione di download su Google Play, KidSecurity offre ai genitori la possibilità di tracciare la posizione dei bambini, monitorare le loro interazioni digitali e ascoltare l’ambiente dei propri figli per garantirne la sicurezza.

Tra le informazioni trapelate c’erano:

  • messaggi sui social network, tra cui Instagram, WhatsApp, Telegram, Viber e VK;
  • indirizzi email dei genitori;
  • indirizzi IP;
  • informazioni nell’App Store: paese, paese del profilo, valute delle transazioni, date di inizio e fine dell’abbonamento;
  • elenchi delle applicazioni installate e statistiche sul loro utilizzo;
  • premi dati ai bambini per aver completato vari compiti, come fare i lavori domestici o partecipare a competizioni sportive;
  • registrazioni audio dell’ambiente circostante dei minori;
  • Numeri IMEI;
  • posizione del dispositivo;
  • livello della batteria dello smartphone;
  • altri metadati inviati periodicamente;

Nel 2023 l’app presentava già errori di sicurezza dei dati. Nel mese di novembre sono trapelati più di 300 milioni di record contenenti dati personali degli utenti a causa di impostazioni errate di autenticazione del sistema.

La causa della perdita era un cluster Kafka Broker aperto. Di conseguenza, le informazioni fluivano come un flusso di dati, consentendo agli aggressori di accumulare enormi quantità di informazioni personali per un lungo periodo di tempo.

Quando Cybernews ha scoperto un cluster Kafka aperto appartenente all’applicazione KidSecurity, aveva già più di 100 GB di informazioni archiviate nella cache. Durante il periodo di osservazione di un’ora, i ricercatori hanno ottenuto 456.000 messaggi privati ​​inviati tramite app di social media sui telefoni di minorenni, nonché statistiche sull’utilizzo delle app da 11.000 telefoni.

La quantità di dati raccolti in un periodo di tempo così limitato è estremamente elevata. L’accesso al cluster è stato chiuso solo dopo che Cybernews ha contattato l’azienda.

Dati salvati dagli hacker

La scarsa sicurezza non solo mette a rischio la privacy dei bambini, ma consente anche ai criminali informatici di manipolare le informazioni che ricevono, mettendo potenzialmente a repentaglio la loro sicurezza.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.