Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il 17enne sospettato dell’hack di GTA6 si dichiara non colpevole di “uso improprio di computer”

L’ispettore investigativo della città di Londra Michael O’Sullivan ha rilasciato questa dichiarazione alla stampa:

“Il diciassettenne che è comparso all’Highbury Corner Youth Court il 24 settembre si è dichiarato colpevole di aver violato le sue condizioni di libertà su cauzione e non colpevole di uso improprio del computer. L’adolescente è stato portato in un centro di detenzione giovanile”.

Advertisements

Come avevamo riportato, l’adolescente sospettato è stato arrestato dalla polizia di Londra la scorsa settimana, con le accuse di aver avviato trattative per negoziare un riscatto con la Rockstar Games.

Si ritiene che l’hacker sia un membro del famigerato gruppo di hacker LAPSUS$, i cui membri hanno documentato hack contro aziende del calibro di Microsoft, Cisco, Nvidia, Samsung, Ubisoft e Activision Blizzard. 

È noto che questo hacker è stato già arrestato l’anno scorso per sospetti su fughe di dati online e se ne era persino vantato online.

Advertisements

Un precedente rapporto indicava anche che Uber crede che lo stesso o gli stessi hacker che hanno fatto trapelare Grand Theft Auto 6 abbiano anche violato e compromesso la loro sicurezza. 

Mentre il sospetto e il loro arresto sono avvenuti a Londra, Uber ha coinvolto sia l’FBI e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nelle loro indagini inerenti la questione.

Secondo quanto riportato da Matthew Keys, la ricerca dell’hacker ha finito per coinvolgere anche la National Cyber ​​Crime Unit della polizia di Londra. Queste organizzazioni si sono concentrate sul sospetto, data la sua storia passata di hacking, e lo hanno trovato a vivere a casa di sua madre.

Sulla base delle loro indagini, l’adolescente è stato accusato di violazione delle condizioni di libertà provvisoria e due capi di imputazione per uso improprio del computer.

Advertisements

Ora, mentre l’inquadratura di questa storia fa sembrare che ci fosse un solo hacker coinvolto, è del tutto possibile che altri hacker che erano membri di LAPSUS$ fossero coinvolti nella stessa misura o più. Se le indagini sugli hack di Rockstar Games e Uber sono ancora in corso, le autorità sono ancora a un punto in cui devono nascondere le informazioni al pubblico in modo che le suddette indagini non vengano compromesse.

Rockstar deve ancora effettuare un comunicato in relazione al fatto che l’hacker è stato identificato e portato in tribunale. Proprio come promemoria, la società ha rilasciato una dichiarazione in cui indicava che l’incidente non ha influito sullo sviluppo del gioco, né l’hacking ha influito su nessuno dei loro servizi live.

Sebbene Rockstar non abbia alcun obbligo legale di rilasciare dichiarazioni in questo periodo, i fan e gli osservatori del settore saranno interessati alle informazioni relative a come è avvenuto l’hacking sotto la sorveglianza dell’azienda e quali azioni intendono intraprendere per proteggere i propri dati nel futuro. 

Ci auguriamo che portino ulteriore luce su questa situazione alla loro fine al momento opportuno.