Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il 40% del traffico web proviene da bot dannosi.

Secondo un rapporto di settembre di Barracuda, nella prima metà del 2021, il volume di traffico proveniente da bot dannosi è aumentato in modo significativo, portando ad un aumento degli attacchi automatizzati contro le organizzazioni .

Secondo gli esperti, quasi i due terzi (64%) del traffico Internet proviene dai bot, mentre il volume del traffico dannoso è del 40%.

“Mentre alcuni dei bot, come i crawler, sono buoni, la nostra ricerca ha dimostrato che molti più bot sono progettati per eseguire azioni dannose. Questi bot possono causare seri danni alle aziende e alla fine portare i TA ad utilizzarli in attività di hacking. Pertanto, è importante essere preparati a rilevare e bloccare queste fonti di attacco”.

Osservano gli esperti.

Secondo il rapporto, i bot “buoni” rappresentano solo il 25% del traffico, mentre i bot dannosi rappresentano quasi il 50%.

Advertisements

Questi vanno dagli scraper per rubare dati da applicazioni a bot utilizzati per dirottare account ed eseguire attacchi DDoS. La maggior parte del traffico analizzato proveniva da cloud pubblici quali AWS e Microsoft Azure.

Secondo i ricercatori, questi servizi consentono agli aggressori di creare facilmente account per gestire l’attività dannosa dei bot. Il maggior volume di traffico dannoso è stato registrato in Nord America (67%), Europa (22%) e Asia (8%).