Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il 41% delle persone alla RSA 2022 sostiene che la metà del budget sulla sicurezza viene sprecato

Secondo uno studio recente, il 73,48% delle organizzazioni ritiene che la maggior parte del proprio budget per la sicurezza informatica venga sprecata a causa della mancata mitigazione delle minacce nonostante l’abbondanza di strumenti di sicurezza a loro disposizione. 

Un sondaggio condotto da Gurucul tra 180 partecipanti a RSA 2022 riguardava la loro opinione sull’efficacia delle operazioni di sicurezza nelle loro organizzazioni.

Solo il 25% delle organizzazioni ritiene che la minaccia principale provenga dall’interno dell’azienda. 

E questo nonostante la crescita delle minacce interne del 47% negli ultimi due anni. Secondo il 70%, i maggiori problemi di sicurezza informatica provengono da minacce esterne come il ransomware.

Advertisements

Lo studio ha anche mostrato:

  • Il 33% degli intervistati è in grado di rilevare le minacce in poche ore e il 27,07% degli intervistati può trovarle in tempo reale.
  • Il 33,15% ha riferito che la propria organizzazione impiega ancora giorni, persino settimane, per rilevare le minacce, mentre il 6% non riesce a trovarle affatto.

“Data la sofisticatezza e i metodi di attacco utilizzati dagli aggressori in questi giorni, anche la capacità di rilevare le minacce in poche ore non è abbastanza veloce, poiché gli aggressori hanno abbastanza tempo per prendere piede nella rete di un’organizzazione”

ha commentato Saryu Nayyar, CEO di Gurucul. 

“Sebbene queste statistiche siano allarmanti, non sono sorprendenti. Ciò che è preoccupante è il numero di intervistati che non credono che le minacce interne possano rappresentare una minaccia per le imprese. Soprattutto in un ambiente in cui i gruppi di criminali informatici mirano a reclutare persone per aiutarli a guadagnare accesso alle reti. Il fatto è che il 98% delle aziende è vulnerabile alle minacce interne e non viene compiuto alcuno sforzo sufficiente per prevenirle o proteggerle”.

Secondo il sondaggio, il 33,15% ha speso centinaia di migliaia di dollari per le minacce e il 15,47% ha speso milioni di dollari, a dimostrazione della misura in cui le organizzazioni sono disposte a spendere per proteggersi dagli intrusi. Inoltre, i risultati dello studio indica la potenziale inefficienza della maggior parte delle soluzioni scelte; secondo il 41,99%, circa il 50-100% del budget dell’azienda viene sprecato.

Advertisements

“Sebbene le organizzazioni lo riconoscano, il 28,7% riconosce che la velocità è la chiave per mitigare le minacce. Più velocemente un’organizzazione può identificare e affrontare minacce nuove, emergenti e sconosciute, migliore sarà la sua protezione. La velocità va di pari passo con l’automazione, che consentirà alle organizzazioni di fornire una risposta agli incidenti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anche durante i periodi di ferie o carenza di personale, promuovendo una cultura della sicurezza informatica più solida”

conclude Nayyar.