Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il 96% delle aziende russe nel campione di Positive Technology ha protezioni molto carenti

Il 96% delle organizzazioni non è protetto da attività di penetration test svolte dalla rete esterna. Lo riporta Positive Technologies che ha pubblicato i risultati dei pentest per il 2021-2022.

In tutte le società è stato preso il pieno controllo dell’infrastruttura. In 9 casi su 10, un criminale informatico avrebbe avuto accesso a segreti commerciali.

Advertisements

50 progetti di 30 organizzazioni russe hanno preso parte al test di sicurezza informatica, ha affermato il servizio stampa di Positive Technologies. Le società stesse non vengono divulgate. Il verdetto dei pentester è stato lapidario: il livello di protezione da intrusi esterni e interni è per lo più basso.

“Molti vettori di attacco comprovati sono stati scoperti nelle organizzazioni per accedere a risorse critiche e un potenziale aggressore non ha bisogno di essere altamente qualificato per utilizzare questi vettori”

ha affermato Positive Technologies nel rapporto.

Advertisements

Nel 96% delle organizzazioni, un utente malintenzionato potrebbe violare il perimetro della rete e infiltrarsi nella rete interna. Nel 57% delle aziende esisteva un vettore di penetrazione che consisteva in non più di due fasi.

In media, questo richiederebbe quattro passaggi. L’attacco più veloce è stato effettuato dai pentester in un’ora. La ricerca ha dimostrato che, in media, un utente malintenzionato potrebbe impiegare cinque giorni e quattro ore per penetrare nella rete interna di un’azienda.

I principali punti di ingresso erano vulnerabilità e difetti nella configurazione delle applicazioni Web: tali vettori sono stati identificati in tutte le società senza eccezioni.

Nella maggior parte dei casi, le vulnerabilità critiche erano associate a criteri di password “deboli” e software senza patch.

Advertisements

La metà delle aziende ha riscontrato vulnerabilità nel codice delle applicazioni web. Quando si conduce un pentest esterno, in 9 casi su 10, i potenziali aggressori potrebbero ottenere l’accesso non autorizzato a informazioni riservate, come le informazioni che costituiscono un segreto commerciale.

Durante un pentest interno nel 100% delle organizzazioni, è stata dimostrata la capacità di assumere il pieno controllo delle risorse del dominio. L’accesso a informazioni riservate è stato possibile nel 68% delle aziende.