Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Il progresso non può essere fermato, anche se le persone ne hanno paura

Redazione RHC : 28 Aprile 2023 16:00

Bard, il chatbot di Google alimentato da LaMDA, il modello linguistico dell’azienda, è alimentato da microchip che elaborano i comandi in arrivo centinaia di volte più velocemente del cervello umano. Quando a Bard è stato recentemente chiesto di comporre una storia profonda, impostando solo poche parole di un semplice vocabolario quotidiano come parametri iniziali, il chatbot ha affrontato brillantemente questo compito e ha letteralmente generato una storia piuttosto dettagliata e toccante su un complesso destino umano in soli 5 secondi.

Ad un osservatore può sembrare che Bard sia consapevole di sé e abbia i rudimenti di una mente reale, tuttavia, come spiegano gli esperti, questa IA ha imparato dalle persone. “Siamo esseri senzienti. Abbiamo sentimenti, emozioni, idee, pensieri, punti di vista. Abbiamo riflesso tutto questo in libri, romanzi e narrativa”, ha spiegato James Manica, vicepresidente senior di Google. Ecco perché i moderni chatbot sono in grado di comunicare con noi quasi come persone reali.

Google si è finora astenuto dal rilasciare versioni più avanzate di Bard in grado di ragionare, pianificare e connettersi autonomamente alla ricerca su Internet. L’azienda crede che l’umanità dovrebbe abituarsi alla tecnologia, lasciandola gradualmente entrare nelle loro vite.

Sundar Pichai, CEO di Google, ha affermato che l’intelligenza artificiale, potrebbe facilmente togliere alla maggior parte dei lavoratori la loro fonte di reddito, inclusi scrittori, contabili, architetti e, ironia della sorte, persino ingegneri del software. Pertanto, non vale assolutamente la pena affrettarsi con una introduzione diffusa delle IA.

All’inizio di aprile, si è saputo che Google vuole trasferire il suo chatbot Bard su PaLM, un modello linguistico più avanzato sviluppato in parallelo con LaMDA e addestrato su 540 miliardi di parametri, invece dei ~140 miliardi di quest’ultimo. Tuttavia, ora Google sta conducendo test con calma, raccogliendo feedback degli utenti e migliorando la sicurezza dei dati nelle versioni attuali della rete neurale, dimostrando lentamente al pubblico qualcosa di rivoluzionario e cambiando radicalmente le regole del gioco.

Gli individui critici sostengono che nella realtà, nonostante quanto sostiene Google, lo sviluppo dell’IA sta andando troppo veloce. Tuttavia, è improbabile che questo processo possa essere rallentato o sospeso artificialmente, come vogliono gli scettici. Indipendentemente dal fatto che l’umanità sia pronta per questi cambiamenti, l’intelligenza artificiale continua ad andare avanti.

Demis Hassabis, CEO di DeepMind Technologies, lavora sull’intelligenza artificiale da decenni e considera ciò che sta accadendo ora come il risultato più importante dell’umanità. Hassabis ha venduto DeepMind a Google nel 2014 per ottenere l’accesso all’enorme potenza di calcolo della società.

Con il supporto e la potenza di Google, gli specialisti di DeepMind sono riusciti a creare un programma di intelligenza artificiale per prevedere le strutture tridimensionali delle proteine, che è già riuscito a prevedere la struttura di tutte le proteine ​​note alla scienza. E alla fine di gennaio, gli stessi specialisti di DeepMind, utilizzando l’IA, sono riusciti a trovare una potenziale cura per il cancro in soli 30 giorni. 

James Manica vede l’attuale fase dello sviluppo dell’IA come un punto di svolta, dopo il quale, molto probabilmente, i progressi andranno a passi da gigante se l’evoluzione naturale delle reti neurali non viene rallentata artificialmente. 

Chissà cosa otterranno sviluppatori e scienziati tra qualche anno? 

Qualunque cosa si dica, il progresso non può essere fermato, anche se le persone ne hanno paura. Il potenziale effetto positivo dello sviluppo dell’intelligenza artificiale, tuttavia, deve superare i possibili rischi e deve essere regolamentato. Solo in questo caso si potrà mantenere il controllo dello sviluppo tecnologico.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.