Il provider russo DoubleVPN sequestrato da una coalizione di forze dell'ordine.

Aggiornato il: lug 2


Il 29 giugno 2021, le forze dell'ordine hanno ottenuto l'accesso ai server di DoubleVPN, sequestrando informazioni personali, registri e statistiche su tutti i clienti del servizio.


L'operazione è stata condotta dall'Ufficio federale di polizia criminale tedesco, dalla polizia olandese, dall'FBI, dai servizi segreti degli Stati Uniti, dall'NCA, dall'agenzia svizzera di polizia cantonale, da Europol, dai servizi speciali bulgari e dalla polizia nazionale svedese, nonché la polizia canadese.



Il sito web della rete privata virtuale DoubleVPN con sede in Russia è stato rimosso martedì e sostituito da un avviso dove viene riportato il collettivo internazionale di forze dell'ordine che ha svolto il raid.


La coalizione delle forze dell'ordine sostiene che DoubleVPN, utilizzata da moltissimi criminali informatici per anonimizzare i loro crimini, abbia conservato i registri del traffico e le informazioni personali sugli utenti del servizio e afferma di aver ottenuto i dati sequestrando i server.

“Il 29 giugno 2021, la polizia ha chiuso DoubleVPN e ha sequestrato le informazioni personali, i registri e le statistiche che DoubleVPN conservava su tutti i suoi clienti. I proprietari di DoubleVPN non hanno fornito i servizi che promettevano"

si legge il sito ormai defunto .

“Le forze dell'ordine internazionali continuano a lavorare collettivamente contro i responsabili del crimine informatico, ovunque e comunque venga commesso. Le indagini sui dati dei clienti su questa rete continueranno".


Fino alla sua rimozione, il sito DoubleVPN ha affermato che il servizio non conservava registri o statistiche sui suoi utenti, anche se non sono ancora emerse prove a riguardo.


L'incidente di martedì non è il primo di DoubleVPN da quando è apparsa sul radar delle forze dell'ordine, come un caso del 2014 di un negozio online che vendeva carte di credito contraffatte.