Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

Il ransomware SEXi scende nell’arena! Colpisce PowerHost in Cile e chiede 140 milioni di dollari di riscatto

Redazione RHC : 10 Aprile 2024 18:44


La filiale cilena di PowerHost , IxMetro, è stata vittima di un attacco informatico da parte di un nuovo gruppo di ransomware SEXi il 30 marzo. L’attacco ha crittografato i server VMware ESXi e i backup dei dati dell’azienda.

PowerHost è una società di data center, hosting e interconnessione con sede negli Stati Uniti, in Sud America e in Europa.

Alcuni server VMware ESXi crittografati ospitavano server VPS dei clienti. Attualmente, i siti Web o i servizi sui server VPS non sono disponibili per i clienti. L’azienda si sta impegnando per ripristinare terabyte di dati dai backup, ma l’ultima dichiarazione di IxMetro suggerisce che i server non possono essere ripristinati perché anche i backup erano crittografati.

PowerHost ha riferito di aver negoziato con i criminali informatici per ottenere una chiave di decrittazione. I criminali hanno chiesto 2 BTC per ogni vittima, per un totale di circa 140 milioni di dollari. L’azienda ha sottolineato che tutte le forze dell’ordine raccomandano all’unanimità di non negoziare, poiché nella maggior parte dei casi i criminali scompaiono dopo aver ricevuto il riscatto.

Per i clienti VPS i cui siti web sono stati colpiti dall’attacco ma che conservano ancora i contenuti dei siti, l’azienda offre la creazione di nuovi VPS per poter ripristinare la loro presenza online.

Dettagli sul ransomware SEXi

Secondo il ricercatore di sicurezza informatica German Fernandez di CronUp, il ransomware SEXi aggiunge un’estensione “.SEXi” ai file crittografati e crea richieste di riscatto denominate “SEXi.txt”. È noto che gli attacchi del gruppo mirano esclusivamente ai server VMWare ESXi, ma è possibile che in futuro vengano attaccati anche dispositivi basati su Windows.

Richiesta di riscatto SEXi

Secondo BleepingComputer l’infrastruttura dell’operazione SEXi non presenta caratteristiche particolari. Le richieste di riscatto contengono solo un messaggio che ti invita a scaricare l’applicazione Session per contattare il ransomware all’indirizzo specificato. Tutte le richieste di riscatto hanno lo stesso indirizzo di contatto in Session, il che significa che ogni attacco non è unico.

Al momento non è noto se gli aggressori rubino dati per condurre attacchi di doppia estorsione attraverso siti di fuga di dati. Tuttavia, trattandosi di una nuova campagna, la situazione potrebbe cambiare in qualsiasi momento.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.