Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il ransomware sta ottenendo l’accesso iniziale alle reti tramite uno 0day di Mitel

I ricercatori avvertono che gli aggressori stanno utilizzando un exploit per una vulnerabilità zero-day nei dispositivi VoIP Mitel MiVoice per infiltrarsi nelle reti aziendali e ottenere l’accesso iniziale. Apparentemente, gli attacchi di estorsione iniziano con lo sfruttamento di questo bug.

Il problema è stato scoperto dagli specialisti dell’azienda CrowdStrike. 

Alla vulnerabilità è stato assegnato l’ID CVE-2022-29499 (9,8 su 10 sulla scala CVSS) e gli sviluppatori Mitel l’hanno corretta ad aprile del 2022.

La vulnerabilità era correlata al componente Mitel Service Appliance MiVoice Connect utilizzato in SA 100, SA 400 e Virtual SA. Il problema consentiva l’esecuzione remota di codice arbitrario nel contesto di un’appliance di servizio. Il bug stesso consisteva in una convalida errata dei dati per lo script di diagnostica, che consentiva ad aggressori remoti e non autenticati di iniettare comandi utilizzando richieste appositamente preparate.

Advertisements

Quindi, l’exploit includeva due richieste GET, una delle quali è stata inviata al dispositivo e ha preso di mira il parametro “get_url” nel file PHP, e la seconda è stata generata sul dispositivo stesso, portando all’iniezione di un comando che effettua richieste GET all’infrastruttura dell’attaccante.

È noto che gli hacker hanno utilizzato la vulnerabilità per creare shell inverse utilizzando i canali FIFO sul dispositivo Mitel di destinazione e inviando richieste in uscita dalla rete compromessa. Gli aggressori hanno quindi creato la shell web pdf_import.php e scaricato il reverse proxy open source Chisel per ridurre la possibilità che l’attacco venga rilevato quando attraversa la rete della vittima.

Sfortunatamente, i ricercatori non segnalano quali operatori di ransomware hanno utilizzato questa vulnerabilità nei loro attacchi. Ma vale la pena notare che l’esperto indipendente di sicurezza delle informazioni Kevin Beaumont osserva che su Internet si possono trovare più di 21.000 dispositivi Mitel, la maggior parte dei quali si trova negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Advertisements