Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il sito di Tor Project viene finalmente riattivato in Russia.

Gli avvocati di Roskomsvoboda (un’organizzazione non governativa russa che sostiene le reti di autoregolamentazione aperte e la protezione dei diritti digitali degli utenti di Internet) hanno riferito che il sito web di The Tor Project è stato finalmente sbloccato in Russia. 

Pertanto, Roskomnadzor ha applicato la decisione del tribunale regionale di Saratov, che ha ribaltato la decisione di limitare l’accesso a maggio 2022. Di recente, il sito del progetto è stato rimosso dal registro delle informazioni vietate.

Ricordiamo che gli sviluppatori di Tor hanno ricevuto una notifica da Roskomnadzor nel dicembre 2021, in cui venivano avvertiti dell’imminente blocco del sito Web torproject.org, e dal testo del messaggio non era chiaro che tipo di violazioni The Tor Project avrebbero effettuato.

Poi è apparso un messaggio ufficiale sul blog di Tor Project, secondo il quale il sito web torproject.org è stato ufficialmente bloccato dalla decisione del tribunale distrettuale di Saratov del 2017 ai sensi dell’art. 15.1 della Legge “Sull’Informazione”.

Advertisements

In sintesi, il progetto ha permesso di “scaricare un programma browser anonimo che ha consentito l’accesso a siti che ospitano materiali inclusi nell’elenco federale dei materiali estremisti.”

Nel maggio di quest’anno, i rappresentanti di Roskomsvoboda sono riusciti a dimostrare in tribunale che la suddetta decisione del tribunale era illegale e soggetta ad annullamento, il che significa che torproject.org doveva essere sbloccato.

Come riporta ora l’avvocato dei media di Roskomsvoboda, l’avvocato Ekaterina Abashina, che rappresenta The Tor Project in tribunale, la risorsa è stata finalmente rimossa dal registro dei banditi:

“Roskomnadzor, ovviamente, ha impiegato un tempo indecentemente lungo per sbloccare il sito, perché la decisione di blocco è stata annullata il 19 maggio e da allora non c’è stato motivo di trovare The Tor Project nel registro delle informazioni proibite. Abbiamo anche inviato specificatamente una notifica separata al riguardo. Solo un mese dopo abbiamo ricevuto la risposta: sbloccheremo presto questo sito”

Advertisements

e finalmente è successo!

Va anche detto che recentemente si è tenuta una riunione su una nuova considerazione del caso. Secondo Ekaterina Abashina, coinvolta nel processo Google, da cui le autorità hanno chiesto la rimozione del browser Tor da Google Play, ha presentato istanza di rinvio dell’esame, poiché la società ha ricevuto la causa solo di recente, e ha bisogno di tempo per redigere un posizione giuridica. Il giudice ha rinviato l’incontro e Abashina suggerendo che il prossimo incontro si terrà il 26 o 27 luglio.