Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Instagram continua a mostrare agli adolescenti contenuti legati alla droga

Un team di esperti della Tech Transparency Project (TTP) ha effettuato l’analisi dell’interazione degli utenti minorenni con la piattaforma Instagram e ha scoperto che il social network offre loro i contenuti associati ai farmaci.

Sebbene l’azienda si sia impegnata a combattere il traffico di droga, gli adolescenti possono facilmente seguire gli hashtag relativi all’acquisto di sostanze illegali.

Advertisements

Come parte della sua indagine, TTP ha creato sette diversi account falsi per adolescenti. Lo studio ha scoperto che gli algoritmi di social networking hanno aiutato ipotetici minori di età compresa tra 13 e 17 anni a contattare i trafficanti di sostanze illegali.

Dopo aver effettuato l’accesso a Instagram, gli esperti hanno impiegato solo due “clic” per trovare un account che vendesse Xanax (un tranquillante) o fentanyl (un analgesico oppioide). Al contrario, occorrono cinque “clic” per disconnettersi dall’app Instagram.

Gli specialisti di TTP hanno segnalato al servizio di supporto del social network circa 50 pubblicazioni relative ai resoconti di presunti spacciatori. Secondo i ricercatori, Instagram non ha riscontrato alcuna violazione delle regole della community nel 72% dei casi.

Advertisements

Ciò includeva un account di vendita Xanax, il cui proprietario ha contattato due volte uno degli account falsi del quindicenne tramite messaggistica istantanea. Instagram ha rimosso 12 post e bloccato un account che violava la politica aziendale. Tuttavia, l’account che avrebbe dovuto essere eliminato era ancora attivo sulla piattaforma.

Mentre Instagram vieta hashtag come #fentanyl, #oxycontin e #mdma, quando gli esperti di TTP hanno cercato l’hashtag #mdma, Instagram ha automaticamente riempito la barra di ricerca. Lo stesso valeva per le ricerche buyxanax e buyfentanyl.

Nel dicembre di quest’anno, l’amministrazione di Instagram ha deciso di rendere privati ​​i profili per impostazione predefinita per gli utenti di età inferiore ai 16 anni.

Advertisements

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che la nuova politica è valida solo per i profili creati tramite l’app mobile di Instagram.