Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Israele rafforza la supervisione delle esportazioni di tecnologia informatica

Sulla scia di una serie di scandali che coinvolgono lo sviluppatore di spyware israeliano NSO Group, l’Agenzia israeliana per il controllo delle esportazioni della difesa ha deciso di rafforzare la supervisione sull’esportazione di prodotti informatici offensivi.

Le aziende che acquistano tecnologie informatiche israeliane dovranno firmare una dichiarazione per utilizzare i prodotti “solo per le indagini e la prevenzione di attacchi terroristici e crimini gravi”. I paesi che violano i termini di utilizzo possono essere soggetti a sanzioni, “tra cui la limitazione e/o la chiusura del sistema informatico”.

Advertisements

Come riportato dall’Associated Press, la decisione è stata presa pochi giorni dopo un altro scandalo spyware del gruppo NSO.

I diplomatici statunitensi in Uganda sono stati presi di mira da uno strumento software sviluppato dal gruppo NSO. Lo spyware, sviluppato dalla società israeliana NSO Group, è stato utilizzato per hackerare gli iPhone di almeno nove funzionari della politica estera degli Stati Uniti.

Il gruppo NSO ha dovuto affrontare un’ondata di critiche internazionali per le accuse di aiutare i governi a spiare oppositori politici e difensori dei diritti umani.

Advertisements

Tuttavia, secondo l’azienda stessa, il suo prodotto è destinato esclusivamente ad aiutare i paesi nella lotta alla criminalità e al terrorismo. Il ministero della Difesa israeliano ha anche ridotto drasticamente l’elenco dei paesi a cui le aziende israeliane possono vendere la loro tecnologia informatica.

Se prima la lista comprendeva 102 Paesi, ora è stata ridotta a 37. In particolare, ne sono stati esclusi i nuovi alleati di Israele Marocco ed Emirati Arabi Uniti, nei quali sono noti casi di violazione dei diritti umani.

Advertisements