Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

IWF genera hash per un milione di contenuti sugli abusi dei minori

Sono stati generati hash per un milione di immagini di abusi sessuali su minori, ha affermato la Internet Watch Foundation (IWF).

L’ente di beneficenza britannico, responsabile della ricerca e dell’eliminazione di tale materiale online, ha affermato che le “impronte digitali” o hash aiuteranno le aziende e la polizia a trovare ed eliminare facilmente le copie delle immagini. 

Tutti i materiali sono presi dal database del governo contenente immagini di abusi sui minori. Contiene i materiali più estremi presenti nelle categorie A e B.

Per cercare contenuti pedopornografici, molte aziende tecnologiche confrontano gli hash delle immagini trovate con elenchi di organizzazioni come l’IWF, per poi rimuovere le corrispondenze. Tuttavia, questo sistema ha i suoi limiti:

Advertisements
  • Le modifiche alle immagini possono modificare il valore hash, rendendo l’immagine non elencata;
  • Se l’immagine è crittografata, non può essere trovata negli elenchi hash.

L’ente di beneficenza crea anche metadati di accompagnamento che spiegano accuratamente cosa è successo al bambino nell’immagine. L’IWF spera che ciò accelererà l’azione di contrasto.

L’IWF ha fornito una citazione di uno degli analisti dell’immagine:

“Ho tre figli. Il più grande ha 11 anni. Questo lavoro ha cambiato il mio rapporto con loro e con Internet. Sono rimasto scioccato dalla quantità di materiale terribile con bambini molto piccoli Alcuni di loro hanno cinque, sei o sette anni”.

Gli analisti possono lavorare solo quattro ore al giorno e sono tenuti a fare pause regolari, ha affermato Susie Hargreaves, direttore esecutivo di IWF. 

Inoltre, hanno accesso al miglior aiuto psicologico.

Advertisements

Questa tattica di pulizia di Internet è estremamente efficace. Secondo il rapporto IWF nel 2021, il numero di pagine cancellate era di circa 252.000, un record assoluto.

Sono lavori difficili che però qualcuno deve fare. Pertanto ringraziamo sempre tutte le persone che lavorano in questi ambiti e nelle forze dell’ordine. Senza di loro questa pulizia non sarebbe possibile.