L'Intelligenza artificiale aiuta i malati di Alzaimer.


Kellye Franklin, ricorda la devastazione quando suo padre, ormai 81enne, un fedele veterano dell'aviazione, una mattina ha cercato di prepararsi la colazione. Sette scatole di cereali aveva aperto sul pavimento del soggiorno e versato il latte in ognuna di esse. In seguito gli sarebbe stata diagnosticata una demenza grave.


Eppure Kellye , 39 anni, ora non si preoccupa più che questo si ripeta.


Alla fine del 2019, aveva inserito dei sensori di movimento collegati a un sistema di intelligenza artificiale (AI) installato nella sua residenza. Tali sensori inseriti sulla parte superiore delle porte e in alcune stanze, monitoravano i movimenti di suo padre e apprendevano i modelli di attività quotidiana, inviando avvisi al telefono di Kellye, qualora il comportamento di suo padre si discostasse dalla normalità.


"Avrei ricevuto un avviso non appena è andato in cucina quella mattina", dice, perché sarebbe stato fuori dall'ordinario per il comportamento di suo padre essere in cucina, soprattutto così presto.


Kellye dice che il sistema aiuta la sua "sanità mentale", togliendo un po' di peso da un lavoro 24 ore su 24.



Negli ultimi anni sono sorte una pletora di cosiddette società "age tech", anche per tenere sotto controllo gli anziani, in particolare quelli con declino cognitivo. Le loro soluzioni stanno ora iniziando a permeare l'assistenza domiciliare, la vita assistita e le strutture infermieristiche.


La tecnologia può liberare gli assistenti umani in modo che possano essere "il più efficienti possibile", riassume Majd Alwan, direttore esecutivo del Center for Aging Services Technologies presso LeadingAge, un'organizzazione che rappresenta i fornitori di servizi per l'invecchiamento senza scopo di lucro.


Ma mentre ci sono potenziali benefici della tecnologia in termini di sicurezza per le persone anziane e una tregua per gli operatori sanitari, alcuni si preoccupano anche dei suoi potenziali danni.


Si sollevano domande sull'accuratezza dei sistemi, sulla privacy, sul consenso e sul tipo di mondo che vogliamo per i nostri anziani. "Stiamo introducendo questi prodotti sulla base di questo entusiasmo che sono migliori di quello che abbiamo", afferma Alisa Grigorovich, una gerontologa che ha anche studiato la tecnologia presso il KITE-Toronto Rehabilitation Institute, Rete sanitaria universitaria, Canada.


Voi che ne pensate?

I commenti sui social.