Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Cina sta sviluppando la propria architettura di processori basati su RISC-V

La Cina intende creare la propria architettura di processori basata su RISC-V per non dipendere dalla tecnologia statunitense e ridurre la probabilità di nuove sanzioni statunitensi, riporta il South China Morning Post .

È noto che la nuova architettura del processore RISC-X sarà basata sul RISC-V esistente. 

Bao Yungang, esperto di tecnologia informatica presso l’Accademia cinese delle scienze e segretario generale della China RISC-V Alliance, ha rilasciato dei commenti alle domande sul fatto che la Cina avrebbe dovuto affrontare “interruzioni dell’approvvigionamento” in caso di disaccoppiamento tecnologico dagli USA.

Bao ha affermato che la Cina potrebbe cavarsela molto meglio della Russia in scenari estremi che coinvolgono sanzioni e guerra grazie alle sue capacità di ricerca sulle unità di elaborazione centrale (CPU), e alla notevole base di talenti e al grande mercato.

Advertisements

“In casi estremi, le specifiche standard relative a RISC-V possono essere biforcate in RISC-X e la Cina è pienamente in grado di far avanzare l’evoluzione dello standard RISC-X in modo indipendente e costruire un ecosistema insieme ai paesi Belt and Road

ha affermato Bao.

“I prodotti RISC-X cinesi potrebbero non essere in grado di entrare negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali, proprio come i prodotti Huawei oggi, ma ciò non influisce sulle vendite e sull’applicazione di questi prodotti nei paesi di Belt and Road. RISC-X può ancora essere mantenuto come open source in modo che i paesi in via di sviluppo, con 6,6 miliardi di persone, possano sviluppare un ecosistema”.

Tuttavia, allo stesso tempo, sarà un prodotto del tutto indipendente, che non può essere colpito da sanzioni esterne.

È stato inoltre riferito che l’architettura sarà fornita ai paesi partner. Ricordiamo che la Federazione Russa è uno dei partner della Cina.