Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Cina vieta le Tesla per paura della sorveglianza in un vertice dei leader massimi

Le auto Tesla saranno bandite dalla località turistica cinese di Beidaihe per i prossimi due mesi, poiché i massimi leader comunisti si riuniranno in città per un conclave segreto. 

Sebbene il motivo ufficiale non sia stato reso pubblico, il divieto potrebbe essere dovuto ai timori che una serie di sensori e telecamere per veicoli elettrici possano effettuare svolgere spionaggio da parte degli Stati Uniti relativamente alle riunioni dei vertici di Pechino.

Tesla è un’auto diffusa di nuova generazione. Un veicolo elettrico può trasmettere grandi quantità di dati del conducente, dai registri delle chiamate e dalla cronologia del browser di bordo. Inoltre, sensori e telecamere esterni possono trasmettere una quantità significativa di informazioni sul mondo circostante.

Il programmatore tedesco di 19 anni David Colombo ha violato molte auto Tesla nel gennaio 2022. Utilizzando un’app di terze parti con accesso all’API Tesla, Colombo ha controllato 20 auto Tesla distribuite nel mondo, controllandone serrature, finestre, sistemi audio e visualizzando grandi quantità di informazioni.

Advertisements

“Sono stato in grado di vedere un’enorme quantità di dati. Compresi: posizione di Tesla, posizioni di ricarica, geolocalizzazione del veicolo, velocità di viaggio, richieste di navigazione, cronologia degli aggiornamenti software, persino cronologia meteorologica e altro ancora”

ha scritto Colombo in un post medio a gennaio.

Sebbene le vulnerabilità utilizzate siano state corrette, il loro hack fa riflettere su quello che è possibile fare hackerando i sistemi dei veicoli intelligenti: la condivisione dei dati non è un bug, ma una funzionalità.