La NSO utilizzava un sito fake di Facebook per distribuire Pegasus.

Secondo diversi rapporti, #Facebook è stato imitato dal "Gruppo NSO" per consentire di installare il loro #spyware #pegasus, probabilmente per aumentare la sua diffusione all’interno degli Stati Uniti d’America.


Pegasus, se installato una volta, può avere accesso a #messaggi di testo, #microfono del dispositivo e accedere alla #videocamera, nonché ad altri dati #utente sul #dispositivo insieme al rilevamento della #posizione #GPS.


Secondo fonti, dietro a questa #notizia potrebbe esserci un ex #dipendente di NSO, che ha fornito dettagli del #server che è stato #progettato per diffondere lo spyware.


NSO ha negato l’accusa, ma sembra essere ancora in una situazione di stallo legale con Facebook, che sostiene che la NSO abbia distribuito il suo #software su #WhatsApp che ha portato allo sfruttamento di innumerevoli #dispositivi.


Un'altra accusa rivolta all'NSO è di aver consegnato il software per spiare il giornalista Jamal #Khashoggi prima della sua uccisione.


#redhotcyber #cybersecurity #hacking #hacker #gray #intelligence


https://www.ehackingnews.com/2020/05/israeli-security-company-nso-pretends.html

5 visualizzazioni

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now