Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La nuova cyber gang ransomware Atom Silo sta utilizzando l’exploit Confluence

Il team MTR Rapid Response di Sophos ha recentemente indagato su un attacco ransomware da parte di un gruppo di attori di minacce emerso di recente chiamato Atom Silo. Il sofisticato attacco, che ha avuto luogo nell’arco di due giorni, è stato reso possibile da un precedente accesso iniziale sfruttando una vulnerabilità recentemente rivelata nel software di collaborazione Confluence di Atlassian.

Sebbene il ransomware stesso sia praticamente identico a LockFile, l’intrusione che ha reso possibile l’attacco ransomware ha utilizzato diverse nuove tecniche che hanno reso estremamente difficile l’indagine, incluso il caricamento di librerie di collegamento dinamico dannose su misura per interrompere il software di protezione degli endpoint.

Advertisements

L’incidente offre la prova di quanto possano essere pericolose le vulnerabilità di sicurezza divulgate pubblicamente nei pacchetti software esposti su Internet se lasciate senza patch anche per un periodo relativamente breve. In concomitanza con l’attacco ransomware, i ricercatori di Sophos hanno scoperto che anche la vulnerabilità di Confluence era stata sfruttata da un cryptominer.

L’indagine del team di Rapid Response ci ha offerto l’opportunità di eseguire il primo sguardo approfondito sugli strumenti, le tecniche e le pratiche del gruppo Atom Silo. Gli attori che hanno implementato il ransomware hanno utilizzato tecniche ormai consolidate in modi nuovi e hanno compiuto sforzi significativi per eludere il rilevamento prima di lanciare il ransomware.

La prima fase dell’intrusione si è svolta il 13 settembre, 11 giorni prima che si verificasse l’attacco ransomware. L’intruso (gli stessi attori di Atom Silo, un affiliato o un broker di accesso iniziale) ha ottenuto l’accesso iniziale tramite un server Confluence tramite un attacco di iniezione Object-Graph Navigation Language (OGNL). Questa iniezione di codice sul server Confluence ha fornito una backdoor, tramite la quale l’attaccante è stato in grado di rilasciare ed eseguire file per un’altra backdoor.

Advertisements

Il payload rilasciato per la seconda backdoor consisteva in tre file. Uno di questi era un eseguibile legittimo firmato da un fornitore di software di terze parti che è vulnerabile a un attacco sideload DLL non firmato.

La DLL dannosa falsifica una libreria richiesta dall’eseguibile e veniva posizionata nella stessa cartella sul server di destinazione del file .exe vulnerabile. Questa tecnica di attacco, nota come dirottamento dell’ordine di ricerca DLL ( ATT&CK T1574.001 ), è una tecnica molto utilizzata recentemente osservata negli attacchi ransomware LockFile che sfruttano la vulnerabilità ProxyShell .

Advertisements

Il ruolo principale della DLL è decifrare e caricare la backdoor dal terzo file, mfc.ini. Il codice caricato si connette quindi a uno dei numerosi nomi host memorizzati (in questo caso update.ajaxrenew[.]com) sulla porta TCP/IP 80.

Il codice appare simile a quello di un Cobalt Strike Beacon. Una volta caricata, la backdoor consentiva l’esecuzione remota dei comandi della shell di Windows tramite l’interfaccia di gestione di Windows (WMI), nello stile dello strumento di test di penetrazione WMIexec di SecureAuth Corp.

L’intruso, ha quindi iniziato il movimento laterale. Nel giro di cinque ore, avevano violato diversi server aggiuntivi. Utilizzando un singolo account amministrativo compromesso, gli aggressori hanno copiato ed eseguito i binari backdoor utilizzando WMI.

Advertisements