Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

La più grande comunità di appassionati LEGO poteva essere colpita da un serio attacco cyber

BrickLink è la più grande comunità online al mondo di fan di LEGO con oltre un milione di membri registrati. 

Salt Security ha rilevato due vulnerabilità nell’API del sito della comunità che, se sfruttate con successo, potrebbero consentire agli aggressori di ottenere l’accesso agli account utente o hackerare i server interni.

I difetti di sicurezza sono stati scoperti durante i test con cui interagiscono gli utenti di BrickLink.

La prima vulnerabilità era correlata al campo “Trova utente per nickname” nella sezione di ricerca coupon. Ha consentito a un utente malintenzionato di iniettare ed eseguire codice sul dispositivo bersaglio utilizzando un collegamento appositamente predisposto. 

Utilizzando l’ID di sessione dell’utente ottenuto su un’altra pagina, un hacker potrebbe sfruttare questa falla di sicurezza per dirottare la sessione e impossessarsi dell’account dell’utente.

Le conseguenze di un simile attacco potrebbero essere estremamente gravi, perché tutti i dati della vittima memorizzati sul sito sarebbero divenuti nelle mani di un criminale informatico, come ad esempio:

  • dati personali;
  • Indirizzo e-mail;
  • Indirizzo di consegna degli ordini;
  • Cronologia ordini;
  • Buoni;
  • Feedback ricevuto;
  • Elenco dei prodotti desiderati;
  • Cronologia dei messaggi.

La seconda vulnerabilità è stata scoperta nella pagina per il caricamento dei dettagli nella lista dei desideri. In questa pagina, gli utenti caricano elenchi XML delle parti LEGO che desiderano trovare e acquistare. 

Sfruttando la vulnerabilità, gli analisti di Salt Security hanno eseguito con successo un attacco XXE aggiungendo un riferimento a un’entità esterna a un file. Questo attacco ha consentito agli specialisti di leggere i file sul server Web e falsificare le richieste, il che potrebbe portare alla perdita di token AWS EC2.

I ricercatori di sicurezza hanno segnalato vulnerabilità all’amministrazione della piattaforma, che ha già adottato misure per eliminarle.