Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Polizia Postale recupera 16 milioni di euro dal dark-web.

La sezione Sezione Financial Cybercrime della Polizia Postale ha riportato che l’Italia è stata il paese leader in Europa nel contrasto alla vendita di codici illegali di carte di credito nel Dark web, all’interno di una azione tutta europea ad alto impatto denominata ‘Carding Action’.

Si parla di una operazione che ha visto oltre l’Italia, 9 Paesi europei e il Regno Unito, che hanno scandagliato il dark-web alla ricerca di forum criminali che rivendevano i codici delle carte di credito rubati. Questi negozi sono noti come “Card Shop”, e all’interno sono state analizzate oltre 200.000 carte di credito rubate.

Advertisements

12 sono stati i soggetti coinvolti in questa truffa, che vendevano online le carte di credito dove oltre 49.000 sono state bloccate in una attività di monitoraggio, prevenzione e repressione del Dark web durata circa 3 mesi.

Questo è stato possibile anche grazie alle investigazioni del team di Group-IB, partner tecnologico di Europol.

Le carte bloccate, sono state acquisite per lo più attraverso attività di phishing dai criminali informatici, ma sono state bloccate ancor prima che venissero utilizzate in modo fraudolento.

Advertisements

Tutto questo ha consentito di evitare una perdita stimata di circa 16 milioni di euro.

Nelle indagini svolte, si sono anche analizzate le transazioni in criptovaluta utilizzate come mezzo di pagamento dagli acquirenti verso i criminali informatici detentori delle carte.

In tale indagine, sono emersi 12 profili, di diverse nazionalità, considerati tra i maggiori venditori di codici di carte di credito compromesse sul Dark web, segnalati alle rispettive Autorità dei Paesi da dove operavano.

Advertisements