Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Russia blocca l’accesso al sito web degli hacktivisti ucraini

Questo è quanto ha riportato in una nota disBalancer, una società di sicurezza informatica ucraina che sta conducendo attività di hacktivismo nei confronti della Federazione Russa da quando è iniziata l’operazione speciale.

“Il nostro sito web ufficiale disbalancer[.]com è stato bloccato da Roskomnadzor”

Advertisements

La Federazione Russa ha limitato le attività di disBalancer sul suo territorio della Federazione Russa in conformità con la legge federale n. 149-FZ del 2006 “Sull’informazione, le tecnologie dell’informazione e la protezione delle informazioni”, hanno affermato gli hacktivisti.

La legge contiene disposizioni sulla limitazione dell’accesso ai siti contenenti informazioni su rivolte, attività estremiste o partecipazione a eventi di massa (pubblici) svolti in violazione della legge. 

Riferendosi a loro, un rappresentante di disBalancer ha aggiunto:

Advertisements

“Roskomnadzor ha limitato l’accesso a tali informazioni sulla base della richiesta del procuratore generale della Federazione Russa o dei suoi vice”.

disBalancer ha affermato che il blocco del sito in Russia non influirà in alcun modo sulle sue attività. Inoltre, gli hacktivisti hanno smesso di collaborare con la Russia dall’inizio dell’operazione speciale.

“Anche limitando l’accesso dei russi al nostro sito, Roskomnadzor non fermerà i nostri attacchi DDoS ai media russi, al governo e ai sistemi infrastrutturali che sono alla base della nostra attività quotidiana”

hanno aggiunto gli hacktivisti. “Fino al termine dell’operazione speciale, continueremo con gli attacchi DDoS”.

Ricordiamo che in precedenza l’applicazione Liberator di disBalancer era stata pubblicizzata da un popolare YouTuber. 

Boxmining ha invitato centinaia di migliaia di abbonati a condurre una guerra informatica contro la Russia.