Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Russia dopo il blocco di Facebook sta passando ad Instagram

L’agenzia Russa Roskomnadzor (il servizio federale per la supervisione delle comunicazioni, della tecnologia dell’informazione e dei mass media) ha chiesto di bloccare Instagram.

Il famoso social network appartiene a Meta (l’azienda proprietaria di Facebook), come la celebre App di messaggistica WhatsApp sulla quale ancora le sorti all’interno della Federazione Russa sono ignote.

Il Comitato Investigativo, a sua volta, ha aperto un procedimento penale contro i dipendenti Meta per lo svolgimento di attività estremiste e per facilitare attività terroristiche (articolo 280 del Codice Penale della Federazione Russa e 205.1 del Codice Penale della Federazione Russa). 

Il caso è stato avviato 

Advertisements

“in connessione con richieste illegali di omicidio e violenza contro cittadini della Federazione Russa”.

Da quanto riporta la stampa Russa, l’11 marzo Meta ha riferito che non cancellerà le minacce e gli appelli alla violenza contro l’esercito russo fatti su Facebook e Instagram, così come gli auguri di morte per i presidenti di Russia e Bielorussia, Vladimir Putin e Alexander Lukashenko, in alcuni paesi. 

Facebook è stato bloccato in Russia dal 4 di marzo scorso. Il motivo ufficiale è la “discriminazione nei confronti dei media russi”.