La storia del primo cavo sottomarino.


Oggi vogliamo parlare del primo cavo sottomarino della storia, il primo in assoluto, quello che ha interconnesso l'Europa all'America circa un secolo e mezzo fa.


Un cavo di comunicazione sottomarino è un cavo posato sul fondo del mare, che congiunge due stazioni terrestri per trasportare segnali di telecomunicazione attraverso gli oceani, ma anche laghi e lagune. I primi cavi di comunicazione sottomarini sono stati posati a partire dal 1850, ben 150 anni fa e trasportavano il traffico telegrafico.


Proprio di questi primi cavi vogliamo parlare in questo articolo, per comprendere come dal 16 agosto 1858, data di quando divenne operativo il primo cavo sottomarino, siamo arrivati ai giorni di oggi.



Il primo cavo sottomarino

Il cavo sottomarino del 1866, serpeggiava lungo il fondo dell'Oceano Atlantico per collegare Telegraph Field a Foilhommerum Bay sull'isola di Valentia (Irlanda) a Heart's Content a Terranova (ora parte del Canada).


Tuttavia, il cavo del 1866 non fu in realtà il primo cavo sottomarino transatlantico; è stato il quarto tentativo, anche se fu il primo ad aver avuto successo, dopo numerosi tentativi falliti tra il 1858 e il 1865.


Mappa dei cavi sottomarini nel 2021

Il primo messaggio inviato con successo attraverso un cavo transatlantico avvenne il 16 agosto 1858 e inaugurò un'era dove i tempi di comunicazione si ridussero drasticamente. Prima dei cavi telegrafici sottomarini, la velocità delle comunicazioni transatlantiche era la velocità della nave che trasportava un messaggio scritto a mano tra il Nord America e l'Europa, che impiegava circa una settimana e spesso molto più a lungo a causa del cattivo tempo e del mare agitato del Nord Atlantico.



Il cavo nel 1858 permetteva di inviare i messaggi e ricevere le risposte nello stesso giorno, potete immaginare che si trattava di una innovazione dirompente. Sebbene i moderni cavi sottomarini rimpiccioliscano le prestazioni di trasmissione dei primi cavi telegrafici sottomarini, quest'ultimo è stato comunque un'impresa impressionante e ha gettato le basi per la più grande impresa ingegneristica dell'umanità di sempre: l'Internet globale.


La visione

Oltre 150 anni fa, diversi visionari sognavano cavi transoceanici che collegassero il Nuovo Mondo al Vecchio Mondo attraverso la vasta distesa dell'Oceano Atlantico. Come disse una volta Steve Jobs, "le persone che sono abbastanza pazze da pensare di poter cambiare il mondo sono quelle che lo fanno", e questo è stato anche il caso del 1850.


L'Atlantic Telegraph Company è stato il muscolo dietro la costruzione del primo cavo sottomarino transatlantico, iniziato nel 1854 e completato pochi anni dopo, nel 1858. Sfortunatamente, il cavo ha funzionato solo per tre settimane prima di fallire catastroficamente, ma è stata un'impresa impressionante che ha fornito una inestimabile esperienza, conoscenza, rabbia, dolore e dispiacere, che sono stati tutti sfruttati nel successivo tentativo.



Prima della morte prematura del cablogramma del 1858, venne inviato il primo telegramma attraverso l'Oceano Atlantico il 16 agosto affermando “Gloria a Dio nel più alto dei cieli, pace in terra a tutti gli uomini”.


La regina Vittoria inviò in seguito un messaggio al presidente americano James Buchanan affermando "un ulteriore legame tra le nazioni la cui amicizia è fondata sul loro comune interesse e stima reciproca" a cui Buchanan rispose:

"è un trionfo più glorioso, perché molto più utile all'umanità, di quanto mai vinto sul campo di battaglia. Possa il telegrafo atlantico, sotto la benedizione del cielo, rivelarsi un legame di pace e di amicizia perpetua tra le nazioni affini, e uno strumento destinato dalla Divina Provvidenza a diffondere la religione, la civiltà, la libertà e il diritto in tutto il mondo”.

non è esattamente il tipico messaggi di testo di oggi, ma era un precursore dei messaggi di oggi.


I telegrammi e la distruzione del primo cavo

Va notato che questi telegrammi trasmessi erano molto difficili da decifrare. Ad esempio, il messaggio di 98 parole inviato dalla regina Vittoria ha richiesto sedici ore per essere inviato. Questa velocità sarebbe semplicemente incompatibile con il bisogno nevrotico di oggi di comunicare istantaneamente, ma 150 anni fa era "quasi istantaneo" rispetto all'attesa dell'arrivo di una nave con il tuo messaggio scritto a mano e poi la successiva spedizione.


Posa in opera del primo cavo sottomarino

Sfortunatamente, la qualità del segnale sul nuovo cavo del 1858 ha iniziato a degradare rapidamente, determinando una velocità di trasmissione che ha reso quel cavo sottomarino sostanzialmente inutilizzabile.



Nel tentativo di accelerare le prestazioni di trasmissione, il capo elettricista del cavo, Wildman Whitehouse, ha applicato migliaia di volt al cavo causando il suo isolamento, pertanto il cavo sottomarino venne distrutto.


Ti piacerebbe essere nei suoi panni di allora? Questo è stato probabilmente il primissimo giorno miserabile nella vita di un ingegnere di rete sottomarina, o nel caso di Whitehouse, un elettricista autodidatta.


L'incidente ha portato ad un'inchiesta pubblica del 1861, che alla fine ha concluso che Whitehouse ha avuto la responsabilità della distruzione prematura del cavo sottomarino del 1858, anche se venne sostenuto che la produzione, lo stoccaggio e la manipolazione del cavo sottomarino del 1858, avrebbero causato comunque il suo fallimento prematuro.


Il primo cavo sottomarino affidabile

Per mettere a fattore questo guasto, i cavi sottomarini di oggi sono in genere progettati per una durata di 25 anni, anche se la durata del primo cavo transatlantico è stata solo di tre settimane! Il fallimento ha notevolmente minato la fiducia del pubblico e degli investitori, ritardando gli sforzi per ripristinare il collegamento telegrafico transatlantico.


Tuttavia, i vantaggi della breve durata del primo cavo transatlantico si sono rivelati troppo grandi per essere ignorati, quindi nel 1865 fu intrapreso un secondo tentativo con un design del cavo migliorato e, dopo alcuni altri contrattempi e tentativi falliti, Il nuovo cavo atlantico fu completato con successo e messo in servizio il 28 luglio 1866.


Gli imprenditori di successo non si sono mai fermati, come dimostrano i molteplici tentativi nel corso dei nove anni dal 1857 al 1866, culminati nel realizzare finalmente un cavo sottomarino affidabile che ha inaugurato l'era delle comunicazioni transoceaniche.


Il successo del cavo del 1866 portò alla posa di molti altri cavi tra Foilhommerum Bay e Heart's Content dal 1873 al 1894. Entro la fine del XIX secolo, i cavi transatlantici di proprietà di Gran Bretagna, Francia, Germania e Stati Uniti erano in operazione, creando essenzialmente una "rete" di cavi telegrafici sottomarini, che forse può essere pensata come una prima "Internet" basata sul codice Morse .



La costruzione

I primi cavi transatlantici furono realizzati con materiali disponibili all'epoca.


Diversi fili di rame sono stati ricoperti di lattice naturale dalla linfa dell'albero di guttaperca e poi avvolti con canapa catramata. I messaggi venivano inviati e ricevuti dagli operatori di codice Morse a ciascuna estremità del cavo – lo “smartphone” umano dell'epoca.


Questi cavi non incorporavano ripetitori per amplificare i segnali trasmessi lungo il cavo perché semplicemente non c'era un modo pratico per alimentare i relè sommersi. I primi cavi telegrafici sottomarini erano fondamentalmente cavi passivi molto lunghi posati sul fondo dell'Oceano Atlantico.


Ma tutto questo era comunque impressionante per l'epoca.


Il primo cavo ripetitore era il TAT-1 distribuito quasi un secolo dopo nel 1956, che ha utilizzato tali diavolerie tecnologie come il cavo coassiale, l'isolamento in polietilene e affidabili ripetitori sommersi, così come altri miglioramenti ingegneristici negli anni '50. TAT-1 era un fossile sommerso per gli standard odierni, ma è stato un passo assolutamente importante per arrivare dove siamo oggi.



La velocità di trasmissione

La velocità di trasmissione del cavo del 1858 era molto lenta, impiegando circa due minuti per trasmettere un singolo carattere, che si traduceva in una velocità di trasmissione di circa 0,1 parole al minuto. Il primo messaggio inviato attraverso il cavo del 1858 ha richiesto più di 17 ore per essere inviato, una velocità di messaggistica ad oggi impensabile.


Il cavo del 1866, più avanzato, utilizzava metodi di produzione del cavo e tecnologie di trasmissione migliorati che aumentavano la velocità di trasmissione a ben 8 parole/minuto, o 80 volte più veloce del cavo del 1858.


E anche se la velocità di trasmissione è aumentata a sole 120 parole/minuto entro il 20esimo secolo, ha permesso a Londra di diventare un hub di telecomunicazioni globale, ed è per questo che sono ancora un luogo primario per l'atterraggio dei moderni cavi sottomarini che hanno alimentato il loro settore dei data center ed interconnettere i numerosi data center.



Le dorsali di internet di oggi

All'insaputa dei primi visionari del cavo sottomarino nel 1850, stavano gettando le basi che alla fine avrebbero portato i cavi sottomarini di oggi a diventare vene giugulari di comunicazioni intercontinentali. I cavi sottomarini svolgono un ruolo fondamentale nell'abilitazione di Internet globale, che ha scatenato cambiamenti sociali, economici e politici significativi e rapidi in tutto il mondo.

I cavi sottomarini di oggi trasmettono più terabit di dati ogni secondo. Ad esempio, guarda il cavo sottomarino Aqua Comms AEConnect, che è stato recentemente messo online. Questo cavo di 5.522 km collega Killala (Irlanda) a Shirley (New York, USA) ed è in grado di fornire più di 52 Tbps.



Facendo un rapido calcolo, il cavo sottomarino Aqua Comms AEConnect trasporta 779.999.961.000.002 volte più informazioni ogni secondo rispetto al cavo del 1858 di 150 anni fa. Certo, questi calcoli sono stime approssimative, ma illustrano i diversi ordini di grandezza dell'aumento della velocità di trasmissione nell'ultimo secolo e mezzo.

Monumento commemorativo al primo messaggio inviato tramite cavo sottomarino

Per commemorare i primi messaggi transatlantici tra la regina Vittoria e il presidente James Buchanan, esiste un monumento commemorativo al Telegraph Field sull'isola di Valentia sulla scogliera di Foilhommerum che si affaccia sull'Oceano Atlantico che onora la storia dell'industria telegrafica locale dal 1857 in poi.


Fonte

https://www.ciena.com/insights/articles/The-First-Trans-Atlantic-Message-150-Years-Ago-prx.html