Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La ULSS6 potrebbe avere i backup cifrati in quanto in linea. Situazione disastrosa.

Dall’attacco informatico del 3 di dicembre scorso alla ULSS6 di Padova, dopo 8 giorni dall’avvio dell’infezione del ransomware HiveLeaks, dobbiamo avviare delle importanti riflessioni sul danno causato e su come sarebbe stato possibile prevenirlo oltre ai danni causati alla Sanità italiana.

Al momento, le conseguenze sono disastrose. Inoltre, da fonti non ufficiali pervenute a RHC, sembrerebbe che i backup erano in azione, ma essendo inline sono stati cifrati dall’attività del ransomware.

Il backup in linea è un backup a caldo, eseguito mentre il database è aperto e disponibile per l’utilizzo da parte degli utenti (attività di lettura e scrittura), pertanto un eventuale minaccia può accedere al sistema di backup o ai suoi dati e cifrare i suoi contenuti.

Advertisements

Il backup offline è un backup a freddo è un backup eseguito mentre il database è offline e non è disponibile per i suoi utenti. I backup a freddo viene una volta eseguito può essere archiviato su dispositivi quali CD/DVD, un disco rigido o un’unità di rete.

D’altra parte, il vantaggio di questo metodo di backup è la consistenza dei dati: i dati non possono essere modificati o cambiati mentre è in corso il backup perché gli utenti non possono accedere al sistema nel momento in cui viene eseguito il backup ed inoltre, qualora il backup venga eseguito su supporti di archiviazione disconnessi dalla rete, consentono una protezione dal ransomware in quanto non può accedervi e cifrare i suoi contenuti durante un attacco.

Advertisements

L’incidente informatico alla ULSS6, ha creato seri danni alle infrastrutture IT e molti dati riguardanti le vaccinazioni e i tamponi del covid sono andati persi, probabilmente per sempre.

Inoltre, ad oggi non è possibile emettere ricette dematerializzate, non possono essere inseriti i dati relativi agli isolamenti domiciliari da covid, sono stati chiusi i punti prelievo e bloccate le prenotazioni specialistiche.

Tutto questo fa pensare che ci vorrà ancora molto tempo per ripristinare tutto, si parla ancora di un mese per ristabilire una normalità, nel mentre gli operatori stanno procedendo con “carta e penna”, di fatto rallentando in maniera significativa le attività dell’unità sanitaria.

Advertisements

Prima del covid come RHC, avevamo insistito per far girare un messaggio che riportava #NoCybercrime negli ospedali italiani, in quanto le terapie intensive affannate dal covid, avrebbero potuto collassare con un incidente ransomware.

Oramai ci siamo assuefatti anche a questo in questo anno di incidenti informatici inquietanti.

Ma un ospedale che non funziona non può mettere a rischio i dati personali dei suoi assistiti, ma possono mettere a rischio vite umane, come ad esempio, se non possono essere svolte delle visite specialistiche inerenti a malattie degenerative.

Advertisements

Oggi la sicurezza informatica non è solo un problema di meri “dati”, ma di sicurezza e salute della vita delle persone, pertanto quando si parla di passaggio al cloud o messa in sicurezza delle PA critiche, gli ospedali devono essere al primo posto tra le infrastrutture da proteggere.

Anche perché come sistema sanitario nazionale, le spese accumulate per il mancato funzionamento della ULSS6 in tutti questi giorni, qualcuno lo sta calcolando?

A quanto ammonta?

Che perdite economiche si sono avute nel sistema sanitario nazionale derivate da questo attacco informatico sia a livello regionale che a livello paese?

Advertisements

E quanto costa avviare un serio programma cyber?

Queste sono tutte domande alle quali gli esperti della regione dovranno rispondere ai loro assistiti, ai loro cittadini e ai loro elettori.

Advertisements