Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La vulnerabilità 0day sul plugin BackupBuddy di WordPress è stata utilizzata 5 milioni di volte

Gli analisti di Wordfence hanno scoperto che un nuovo bug nel popolare plugin di WordPress, BackupBuddy, che è stato installato circa 140.000 volte, è sotto attacco attivo. Dal 26 agosto 2022, ci sono stati circa 5.000.000 tentativi di hacking.

Il plug-in BackupBuddy consente agli utenti di eseguire il backup dell’intera installazione di WordPress direttamente dalla dashboard, inclusi file di temi, pagine, post, widget, utenti e file multimediali e così via.

La vulnerabilità zero-day è stata identificata come CVE-2022-31474 (CVSS 7.5) e interessa le versioni di BackupBuddy da 8.5.8.0 a 8.7.4.1. Il problema è stato risolto all’inizio di settembre, con il rilascio della versione 8.7.5.

I ricercatori spiegano che il bug consente a parti non autorizzate di scaricare file arbitrari dal sito vulnerabile che potrebbero contenere informazioni sensibili. È noto che il problema è correlato alla funzione Copia directory locale, progettata per archiviare una copia locale dei backup.

Advertisements

“Questa vulnerabilità consente a un utente malintenzionato di visualizzare il contenuto di qualsiasi file sul server a cui può accedere l’installazione di WordPress. Questo può essere il file wp-config.php di WordPress o, a seconda delle impostazioni del server, file riservati come /etc/passwd”

avvertono gli esperti.

Secondo Wordfence, gli attacchi a CVE-2022-31474 sono iniziati il ​​26 agosto 2022 e da quella data sono stati registrati quasi cinque milioni di tentativi di hacking. La maggior parte degli hacker ha provato a leggere i seguenti file:

  • /etc/passwd
  • /wp-config.php
  • .mio.cnf
  • .accesshash

Gli utenti di BackupBuddy sono ora caldamente invitati ad aggiornare il plugin all’ultima versione. Se gli utenti ritengono di essere stati compromessi, si consiglia di reimpostare immediatamente la password del database, modificare i salt di WordPress e le chiavi API archiviate in wp-config.php.

Advertisements