Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
Avvocato Robot
Avvocato Robot

L’avvocato robot al suo debutto in tribunale: la rivoluzione dell’IA nell’assistenza legale è iniziata

Un avvocato “robot” alimentato dall’intelligenza artificiale sarà il primo del suo genere ad aiutare un imputato a combattere una multa in tribunale il mese prossimo.

Il CEO di DoNotPay, Joshua Browder, ha dichiarato che l’intelligenza artificiale della sua azienda funziona su uno smartphone. Ascolta le argomentazioni del tribunale e formula le risposte per l’imputato.

L’avvocato AI dirà all’imputato cosa dire in tempo reale, attraverso le cuffie.

DoNotPay ha già utilizzato lettere e chatbot generati dall’intelligenza artificiale per aiutare le persone a ottenere rimborsi per il Wi-Fi in volo che non funzionava, nonché per abbassare le bollette e contestare i biglietti del parcheggio.

L’azienda ha utilizzato questi modelli di intelligenza artificiale per vincere oltre 2 milioni di controversie sul servizio clienti e cause giudiziarie per conto di individui contro istituzioni e organizzazioni.

Tuttavia, non tutti i tribunali consentono l’uso di avvocati robot.

Browder spera che se l’avvocato robot avrà successo in questo caso, incoraggerà più tribunali a cambiare le loro regole e rendere possibile per più persone l’accesso all’assistenza legale. Tuttavia, l’uso di avvocati robot in tribunale non è senza controversie e potrebbe non essere supportato da molte legislazioni.

Browder vuole dotare le persone degli stessi strumenti a cui generalmente possono accedere le grandi aziende, ma che sono fuori dalla portata di coloro che non dispongono di risorse finanziarie adeguate.

“Quello che stiamo cercando di fare è automatizzare i diritti dei consumatori”, ha detto Browder. “Le nuove tecnologie in genere cadono prima nelle mani delle grandi aziende e il nostro obiettivo è metterle prima nelle mani delle persone”.

Il chatbot basato sull’intelligenza artificiale ChatGPT è recentemente esploso di popolarità per la sua capacità di scrivere saggi coerenti su argomenti di vasta portata in meno di un minuto. La tecnologia ha attirato l’interesse degli investitori, con il Wall Street Journal che riporta che la società madre OpenAI potrebbe presto attrarre investimenti per un valore di 29 miliardi di dollari.