Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Le capacità dei droni dell’Ucraina vengono limitate nel conflitto Russia-Ucraina?

Il produttore cinese di droni DJI Global è stato accusato di limitare le capacità della sua tecnologia AeroScope per l’esercito ucraino, offrendo un vantaggio significativo nella ricognizione aerea agli invasori russi nel conflitto Russia-Ucraina.

Lo ha affermato Volodymyr Shymanskyy, co-fondatore di Blynk IoT Platform, su Twitter. Ha detto che le sue informazioni provengono dal suo gruppo di lavoro all’interno delle forze ucraine. 

Un portavoce di DJI negli Stati Uniti ha respinto le accuse, affermando che un problema tecnico è responsabile del malfunzionamento di alcuni sistemi in Ucraina.

Shymanskyy ha anche affermato che DJI Aeroscope è un hardware proprietario che consente il tracciamento del movimento di qualsiasi drone DJI nel raggio di 10 chilometri, un raggio che può essere esteso fino a 50 chilometri con antenne supplementari realizzate da DJI.

Advertisements

Shymanskyy ha fatto queste affermazioni:

  • La tecnologia AeroScope consente di vedere la posizione esatta degli operatori di droni e i dettagli personali che hanno utilizzato durante la registrazione con DJI;
  • L’esercito ucraino utilizza vari modelli di droni DJI nelle loro attività di ricognizione. DJI è il più grande produttore di droni al mondo;
  • I russi stanno usando l’hardware AeroScope per tracciare le posizioni degli operatori di droni per prendere di mira il loro fuoco di artiglieria/razzi. “In altre parole, i russi usano la tecnologia DJI per uccidere gli operatori di droni ucraini”, si legge nel tweet
  • L’esercito ucraino riferisce che la tecnologia AeroScope è “di fatto disattivata per gli operatori ucraini. In effetti, mentre i russi hanno le capacità tecniche per tracciare gli operatori di droni DJI ucraini, l’esercito ucraino non può fare lo stesso”.
  • Sulla base delle informazioni di cui sopra, viene accusato DJI di aiutare la Russia: “Questo, a sua volta, significa che la più grande azienda cinese produttrice di droni sostiene segretamente le azioni dell’esercito russo in Ucraina, fornendo accesso a tutte le sue capacità tecnologiche ai russi”.

L’11 marzo, Shymanskyy ha twittato che la questione non è nuova e che la stessa cosa si è verificata nel 2016 quando i russi sono entrati nelle regioni dell’Ucraina. 

In un post su Facebook citato da Shymanskyy, Taras Troiak, presidente della Federazione ucraina dei proprietari di UAV, ha delineato come utilizzare i droni senza essere rintracciati.

Advertisements