Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Le grandi AI “sono un po’ coscienti”. Parole di Ilya Sutskever co-founder di OpenAI.

Il co-fondatore della società americana OpenAI, Ilya Sutskever, ha affermato che, forse, l’intelligenza artificiale ha già iniziato a prendere coscienza.

“Forse le grandi reti neurali che esistono già oggi sono un po’ coscienti”

ha twittato recentemente.

Non ha menzionato alcuno sviluppo specifico, ma probabilmente si riferiva a reti neurali su larga scala come GPT-3, un sistema di elaborazione del linguaggio da 175 miliardi di parametri creato da OpenAI per tradurre, rispondere alle domande e riempire le parole mancanti.

Inoltre, non è chiaro cosa significhi effettivamente “un po’ di coscienza”, perché il concetto di coscienza nell’intelligenza artificiale è un’idea controversa.

Advertisements

C’è un’idea comune tra i ricercatori di intelligenza artificiale che la tecnologia, sebbene abbia fatto grandi passi avanti negli ultimi dieci anni, sia ancora molto indietro rispetto all’intelligenza umana, per non parlare della conoscenza consapevole del mondo.

Sutzkever è stato uno studente di lunga data di intelligenza artificiale generale (AI), che si riferisce all’IA che opera a livello umano o sovrumano. Secondo l’esperto, AGI “risolverà tutti i problemi che le persone hanno oggi”. Allo stesso tempo, l’esperto ha avvertito che l’Agi crea i rischi dell’emergere di dittature incredibilmente stabili.