Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Lo smartphone del leader dell’opposizione polacca è stato hackerato 33 volte da Pegasus.

Prima delle elezioni parlamentari polacche del 2019, lo smartphone del leader dell’opposizione Krzysztof Brejza è stato hackerato dagli spyware più di tre dozzine di volte.

Gli sms rubati dal dispositivo (poi falsificati in una campagna diffamatoria) sono stati resi pubblici sulla televisione di Stato nel bel mezzo della corsa elettorale. Il partito al governo ha vinto le elezioni e ora Brajza sta mettendo in dubbio la sua legittimità.

Secondo Citizen Lab, Brejza è la terza figura dell’opposizione il cui smartphone è stato hackerato utilizzando l’acclamato spyware Pegasus della società israeliana NSO Group. Secondo gli esperti, nel periodo tra il 26 aprile e il 23 ottobre 2019, il suo dispositivo è stato sottoposto a jailbreak per 33 volte.

Advertisements

Gli esperti di Citizen Lab ritengono che NSO Group mantenga i log degli hacking e durante le indagini è possibile scoprire chi c’è dietro gli attacchi allo smartphone di Brajza .

In risposta a un messaggio di Citizen Lab, l’UE ha annunciato l’intenzione di accelerare le indagini sui rapporti secondo cui i paesi dell’UE, inclusa la Polonia, hanno abusato dello spyware Pegasus.

Altre vittime di Pegasus in Polonia sono state il pubblico ministero Ewa Wrzosek e l’avvocato Roman Giertych, in rappresentanza dei leader del partito di Brajza.

Advertisements

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha dichiarato questa settimana che le notizie sull’hacking dei telefoni di Wrzosek e Girtić non erano vere.