Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Lo sviluppatore Australiano di RAT, rischia 20 anni di prigione

Il 30 luglio, la polizia federale australiana (AFP) ha sporto denuncia contro un australiano di 24 anni per lo sviluppo e la vendita dell’Imminent Monitor RAT Trojan, utilizzato per tracciare gli utenti da remoto. 

Lo sviluppatore ha venduto il software a più di 14.500 persone in 128 paesi, secondo AFP.

“Un sottogruppo di acquirenti di IM RAT in Australia (14,2%) sono imputati di violenza domestica. Inoltre, uno degli acquirenti è iscritto al registro dei pedofili.”

Hanno affermato le forze dell’ordine dicendo che lo sviluppatore ha guadagnato tra 300.000 e 400.000 dollari dall’inizio della campagna nel 2013, principalmente utilizzati per pagare la consegna di cibo e l’acquisto di “materiali di consumo”. 

L’australiano deve affrontare 6 capi di imputazione con una pena massima di 20 anni.

Advertisements

Il programma iniziò a essere venduto sui forum underground e su un sito Web dedicato che lo reclamizzava come strumento di amministrazione remota (RAT), che poteva essere acquistato per 25 dollari per una licenza a vita che includeva l’assistenza clienti.

Ricordiamo che nel 2019, nell’ambito di un’operazione internazionale coordinata, Europol ha neutralizzato la rete di criminalità informatica coinvolta nella distribuzione di Imminent Monitor RAT. L’infrastruttura è stata resa innocua e anche il sito Web di Imminent Monitor è stato disabilitato.