LulzSecITA lo aveva detto: facciamo attenzione ai nostri ospedali.



Circa sei mesi fa, precisamente a maggio, il collettivo Hacker #LulzSecITA aveva pubblicato un #tweet (come dimostrazione), nel quale dichiara che migliaia di #account utente dell’#Ospedale San Raffaele di Milano erano stati compromessi.


Una falla a livello di #sicurezza aveva permesso l’accesso non autorizzato agli hacktivisti, famosi per aver “bucato” in passato diverse #ASL italiane (Viterbo, Rieti, Caserta), e anche alcuni ospedali (San Giovanni di Roma).


Visto che il mondo (e l'america soprattutto) sta vivendo un picco "particolare" in attacchi ai servizi di #healthcare, e abbiamo visto cosa sia successo all'ospedale di #Düsseldorf (la prima vittima per colpa di un #ransomware mai avvenuta prima).


Italia cosa stiamo facendo?

Dobbiamo farci fare le Audit da LulzSecITA, oppure vogliamo capire che occorre migliorare la cyber-posture dei nostri ospedali?


E se succedesse ad un nostro ospedale (prossimo al collasso) essere vittima di un ransomware?


...poi prepariamo le slide del giorno dopo?


#redhotcyber #cybersecurity #technology #sanità #covid #hacker

5 visualizzazioni

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now