Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Mēris: la nuova botnet DDoS che mette paura.

Gli esperti di Yandex (una società russa ICT proprietaria del famoso motore di ricerca), e Qrator Labs hanno condiviso alcuni dettagli sul più grande attacco DDoS della storia (più di 20 milioni di RPS), a cui Yandex è stato sottoposto lo scorso fine settimana.

L’attacco non ha influenzato il funzionamento dei servizi del gigante di Internet e nemmeno i dati degli utenti, ha affermato la società, ma sicuramente fa comprendere dove si sta andando con gli attacchi DDoS.

Come notato, questo è solo uno dei numerosi attacchi alle aziende di tutto il mondo, dietro il quale c’è una nuova botnet chiamata Mēris (in lettone “peste”).

Gli esperti hanno iniziato a notare segni di attività della botnet, presumibilmente costituite da dispositivi di rete, nel giugno di quest’anno. Secondo gli esperti, la botnet comprende più di 200mila dispositivi per la comunicazione all’interno di reti. dove vengono utilizzati tunnel L2TP inversi.

Advertisements

“Non abbiamo ancora avuto l’opportunità di studiare un esempio di codice dannoso che viene utilizzato per infettare nuovi dispositivi con ​​questa botnet e non siamo pronti a dire se appartenga o meno alla famiglia Mirai. Finora, riteniamo che non lo sia, dal momento che i dispositivi rispondono ad un unico centro di comando e controllo”

hanno osservato gli esperti.

Le caratteristiche della botnet Mēris sono:

  • Utilizzo del pipelining (pipelining HTTP/1.1) per gli attacchi DDoS;
  • Attacchi di sfruttamento RPS;
  • Porta aperte sulla 5678;
  • Proxy SOCKS4 sul dispositivo infetto (non confermato, sebbene sia noto che i dispositivi Mikrotik utilizzano SOCKS4)

Gli esperti non possono ancora dire esattamente quali vulnerabilità vengono sfruttate per compromettere i dispositivi.

È possibile che l’hacking venga effettuato mediante forza bruta.

Advertisements

Secondo Yandex e Qrator Labs, molti dispositivi nella botnet utilizzano nuove versioni di RouterOS fino all’ultima versione stabile. Si segnala che l’incidenza maggiore ricade sui dispositivi con la penultima versione firmware installata.