Marketo: il merKato della rivendita dei dati rubati.

Aggiornamento: ago 30


Il mondo del ransomware e dell'estorsione informatica continua a crescere e a cambiare radicalmente il modo di fare soldi e aggredire vittime sempre più di rilievo.


Da un lato, stanno nascendo nuove varianti di ransomware e blog che pubblicano dati rubati dalle vittime, dall'altro, i gruppi di minacce scompaiono nell'ombra ma poi ricompaiono trasformati sotto altre vesti continuando la "saga" del cybercrime.


Tuttavia, anche in superficie, l'obiettivo rimane lo stesso:, ovvero:

fare più soldi possibile.

Su questo abbiamo imparato che non esiste un limite a nulla, ma il limite è solo dato dall'avere un equilibrio, il giusto compromesso tra lo sforzo effettuato e il guadagno reso.


Ecco che nasce Marketo, un business vecchio come il cybercrime, ma nuovo e rinnovato, ovvero la rivendita dei dati rubati online.

Esempio di asta per i dati di Luxottica (16 GB trafugati)

Come funziona Marketo

Marketo, è una cyber gang che non deve essere confusa con il popolare e legittimo software di marketing Marketo. Marketo è stata fondato nell'aprile del 2021 ed è fortemente focalizzato sulla vendita di dati compromessi.


Il profilo Twitter associato (@Mannus Gott) ha introdotto il mercato come un "mercato informativo" in un post del 16 aprile 2021.