Messenger e Instagram vedranno (forse) la crittografia E2E nel 2023.


Questo è il motivo per il quale gli strumenti che garantiscono troppa privacy, attirano il crimine e ci mettono a rischio. Pertanto la cifratura E2E, garantendo troppa privacy, deve essere evitata, per controllare i crimini e il terrorismo.



La società madre di Facebook, Meta, ha recentemente rivelato che le funzioni di crittografia end-to-end predefinite di Facebook Messenger e Instagram saranno probabilmente posticipate al 2023.


Antigone Davis, capo della sicurezza di Meta, ha dichiarato al Guardian lo scorso fine settimana che il motivo del ritardo era la necessità di un compromesso più completo tra sicurezza e supervisione.


Una volta, il CEO di Meta Zuckerberg credeva che il futuro della comunicazione si sarebbe rivolto sempre più ai servizi di crittografia privati ​​e le persone si sarebbero sentite a proprio agio e in sicurezza.



Tuttavia, poiché l'attuale cifratura E2E può consentire solo al mittente e al destinatario del messaggio di vedere il contenuto, consentirà anche di proteggere le comunicazioni dei criminali o malintenzionati garantendo anche la privacy.


Il segretario generale britannico Priti Patel si è lamentato nell'aprile di quest'anno:

"Facebook sta ancora perseguendo un piano di crittografia end-to-end e quando dobbiamo intraprendere azioni contro atti criminali, saremo impossibilitati a farlo. Non possiamo permettere alle forze dell'ordine di affrontare atti criminali efferati. La capacità di proteggere le vittime è gravemente ostacolata.”


In India, le nuove normative richiedono anche alle app social di rivelare la fonte originale delle informazioni quando necessario.


Questa regola mina il principio di crittografia end-to-end di WhatsApp e Meta ha intentato una causa contro il governo indiano per violazione della privacy degli utenti.


Meta ha previsto una nuova soluzione che combina dati non crittografati, informazioni sull'account e segnalazioni degli utenti nelle sue applicazioni per migliorare la sicurezza prevenendo comportamenti illegali e incoraggiare attivamente gli utenti a segnalare le informazioni dannose.