Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Microsoft conferma: gli 0day di Exchange vengono utilizzati attivamente

Microsoft ha confermato che due vulnerabilità zero-day segnalate di recente in Microsoft Exchange Server 2013, 2016 e 2019 vengono sfruttate attivamente.

Inoltre (cosa che sembrava chiara nella giornata di ieri), afferma che i clienti di Exchange Online non devono intraprendere alcuna azione al momento perché l’azienda dispone delle misure di mitigazione per proteggere i clienti. Pertanto le installazioni non protette ad oggi sarebbero solo quelle onprem.

Advertisements

“La prima vulnerabilità, identificata come CVE-2022-41040, è una vulnerabilità Server-Side Request Forgery (SSRF), mentre la seconda, identificata come CVE-2022-41082, consente l’esecuzione di codice in modalità remota (RCE) quando PowerShell è accessibile dall’attaccante”

ha affermato Microsoft in un rapporto pubblicato il 29 settembre e prosegue:

“In questo momento, Microsoft è a conoscenza di attacchi mirati ma limitati che utilizzano le due vulnerabilità per entrare nei sistemi degli utenti”.

La società ha aggiunto che il difetto CVE-2022-41040 può essere sfruttato solo da aggressori autenticati. Lo sfruttamento riuscito consente quindi loro di attivare la vulnerabilità RCE CVE-2022-41082.

Advertisements

“Microsoft sta inoltre monitorando questi rilevamenti già implementati per attività dannose e intraprenderà le azioni di risposta necessarie per proteggere i clienti… Stiamo lavorando su una tempistica accelerata per rilasciare una correzione”

ha aggiunto Microsoft parlando della fix al problema.

Redmond ha anche confermato le misure di mitigazione condivise ieri da GTSC, i cui ricercatori di sicurezza hanno anche segnalato i due difetti a Microsoft in privato tramite Zero Day Initiative tre settimane fa.

“I clienti Microsoft Exchange in locale devono esaminare e applicare le seguenti istruzioni di riscrittura degli URL e bloccare le porte di PowerShell remote esposte”

Dice Microsoft.

Advertisements

“L’attuale mitigazione consiste nell’aggiungere una regola di blocco in “IIS Manager -> Default Web Site -> Autodiscover -> URL Rewrite -> Actions” per bloccare i modelli di attacco noti.”

Per applicare la mitigazione ai server vulnerabili, dovrai seguire i seguenti passaggi riportati all’interno del documento emesso da Microsoft.

Poiché gli attori delle minacce possono anche accedere a PowerShell Remoting su server Exchange esposti e vulnerabili per l’esecuzione di codice in modalità remota tramite lo sfruttamento CVE-2022-41082, Microsoft consiglia inoltre agli amministratori di bloccare le seguenti porte di PowerShell remote per ostacolare gli attacchi:

  • HTTP: 5985
  • HTTPS: 5986

GTSC ha affermato ieri che gli amministratori che desiderano verificare se i loro server Exchange sono già stati compromessi possono eseguire il seguente comando PowerShell per scansionare i file di registro IIS per gli indicatori di compromissione:

Get-ChildItem -Recurse -Path <Path_IIS_Logs> -Filter "*.log" | Select-String -Pattern 'powershell.*autodiscover\.json.*\@.*200'