Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Microsoft e SAP ritornano in Russia, ma solo per Ospedali, scuole e servizi sociali

Sarebbe ora di fare tutti un passo indietro e comprendere dove questo conflitto ci potrà portare e che le sanzioni messe in atto nei confronti della Russia, avranno ripercussioni a lungo termine, soprattutto nella leadership tecnologica degli Stati Uniti D’America.

Probabilmente Microsoft e SAP lo hanno compreso, e continueranno a lavorare con i clienti in Russia che non sono stati sanzionati. Le aziende tecnologiche hanno affermato di non voler danneggiare le infrastrutture sociali come scuole e ospedali.

Il presidente della Microsoft Corporation Brad Smith, in una lettera al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha affermato che non priverà le scuole e gli ospedali russi degli aggiornamenti software, perché ciò potrebbe minacciare la salute e la sicurezza di civili innocenti.

Allo stesso tempo, la società prevede di smettere di supportare alcuni dei servizi in Russia.

Advertisements

Smith ha detto al presidente Volodymyr Zelensky che Microsoft era “consapevole della responsabilità morale” di proteggere i civili.

Tuttavia, ha affermato che la società sta discutendo con i governi degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’UE se “fermare qualsiasi servizio e supporto in corso” in Russia e se muoversi “al passo con le loro sanzioni e altri obiettivi economici”.

SAP, un produttore di software aziendale dalla Germania, ha anche affermato che continuerà a supportare i clienti chiave nella Federazione Russa, inclusi ospedali, fornitori di cibo e altre società di infrastrutture civili. IBM continuerà anche a lavorare con le aziende russe.

Advertisements