Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Mosca sanziona Google con 350 milioni di euro per aver pubblicato contenuti fake su Youtube

La Corte del distretto Tagansky di Mosca ha imposto una sanzione a Google LLC di oltre 21 miliardi di rubli per la ripetuta mancata rimozione delle informazioni vietate.

Come spiega Roskomnadzor sul suo sito Web ufficiale : “In particolare, l’hosting di video YouTube di proprietà di Google non ha limitato l’accesso a una serie di materiali contenenti contenuti vietati entro il periodo prescritto”. Tra questi materiali sul sito web sono elencati:

  • Video fake sul corso di un’operazione militare speciale in Ucraina, screditando le forze armate della Federazione Russa;
  • materiali che promuovono l’estremismo e il terrorismo;
  • materiali che promuovono un atteggiamento indifferente nei confronti della vita e della salute dei minori;
  • informazioni con inviti, anche a minori, a partecipare ad azioni collettive non autorizzate.

Per la ripetuta mancata rimozione di materiali proibiti, il tribunale ha inflitto a Google una sanzione per un importo di 21.077.392.317,8 rubli (pari a 358.323.540 euro), calcolato sulla base del fatturato annuo russo della società. Questo importo è un decimo delle entrate di Google e delle sue affiliate in Russia.

Si sottolinea che prima di ciò, il Roskomnadzor ha inviato 17 notifiche a Google LLC con la richiesta di rimuovere da YouTube informazioni inaffidabili e screditanti sulle forze armate russe sul corso di un’operazione militare speciale.

Advertisements

Secondo i media, un rappresentante dell’azienda ha chiesto al tribunale di rinviare l’udienza, cambiare giurisdizione, chiedere informazioni all’ufficio delle imposte ed escludere alcune tabelle dalle prove. Tuttavia, il giudice ha respinto tutte e quattro le mozioni.

C’è da dire che questa è la seconda sanzione negoziabile inflitta a Google in Russia. Così, nel dicembre dello scorso anno. La società è stata multata con 7,2 miliardi di rubli, anche per la sistematica mancata rimozione di informazioni vietate nella Federazione Russa. 

Questa è stata la prima multa per la mancata cancellazione di informazioni nella storia dei procedimenti legali russi. Nel maggio di quest’anno, si è saputo che Google, a quanto pare, ha pagato questa multa.

Advertisements