Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Mudge, il celebre hacker di L0pht/cDc sostiene che Twitter stia barando sul numero dei bot e account falsi

L’ex capo della sicurezza di Twitter Peter Zatko (il famoso Mudge dei L0pht e dei Cult of the dead cow cDc), ha inviato un documento di 84 pagine alla Securities and Exchange Commission (SEC), al Dipartimento di giustizia e alla Federal Trade Commission (FTC), affermando che l’amministrazione dei social network sta fuorviando le autorità di regolamentazione sulla sua protezione contro gli hacker e lo spam.

Zatko sostiene che i dirigenti senior, incluso il CEO Parag Agrawal, stiano deliberatamente sottovalutando la presenza di spam sulla piattaforma. 

L’ex capo della sicurezza ha affermato che l’azienda utilizza un metodo errato per contare il numero di bot e account falsi, il che dà risultati distorti. 

Allo stesso tempo, è più redditizio per il management gonfiare i dati sul numero di utenti reali piuttosto che adottare misure per rimuovere i bot.

Advertisements

“Se le accuse di Zatko sono vere, allora questo è esattamente il tipo di prova inconfutabile su cui Musk ripone le sue speranze”

ha affermato Larry Hamermesh, professore di giurisprudenza presso l’Università della Pennsylvania specializzato in controversie su fusioni e acquisizioni.

Secondo Musk, Twitter non ha il 5% di bot e account falsi, come sostiene la società, ma ha circa il 20%.

Zatko è stato licenziato da Twitter nel gennaio 2022. La società ha spiegato che il motivo era motivata da:

“gestione inefficace e bassa produttività”. 

I rappresentanti di Twitter affermano che ora si sta “vendicando”: tenta deliberatamente di danneggiare il social network, i suoi clienti e gli azionisti. 

Advertisements

Il CEO di Twitter Parag Agrawal ha definito la denuncia di Zatko “una completa bugia”.