Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

No More Ransom. L’iniziativa che aiuta le aziende a decrittografare i dati

L’iniziativa No More Ransom, attraverso la quale le vittime di ransomware possono recuperare i propri dati, ha riassunto sei anni di lavoro. 

Attualmente disponibile in 37 lingue, il progetto ha aiutato oltre 1,5 milioni di persone in tutto il mondo a recuperare i propri dati.

No More Ransom è stato lanciato nel 2016 come iniziativa per combattere il ransomware. Poi vi hanno preso parte solo Europol, la polizia olandese, Kaspersky Lab e McAfee.

Ora il numero dei partner del programma è salito a 188, comprese aziende del settore privato e pubblico, forze dell’ordine, esperti del mondo accademico e così via. 

Advertisements

Ci sono già 136 strumenti di decrittografia dei file disponibili sul sito oggi (all’inizio, agli utenti venivano offerti solo quattro decryptor), che funzionano contro 165 varianti di ransomware, tra cui Gandcrab, REvil/Sodinokibi, Maze/Egregor/Sekhmet.

Kaspersky Lab ha contribuito allo sviluppo di 9 strumenti di decrittazione che aiutano a recuperare i dati crittografati da 38 famiglie di ransomware. Gli esperti dell’azienda scrivono che queste utility sono state scaricate più di 8.000 volte nell’ultimo anno nella sola Russia. In totale, dal 2018, gli utenti di tutto il mondo li hanno scaricati più di 300.000 volte.

Se parliamo delle statistiche generali citate da Europol , le utility No More Ransom sono già state scaricate più di 10 milioni di volte e hanno aiutato a ripristinare i file di circa 1,5 milioni di vittime.

Secondo la stessa Europol, negli anni di No More Ransom, i criminali non hanno “guadagnato” quasi un miliardo di euro da attacchi ransomware, in quanto gli utenti sono riusciti a salvare i propri dati gratuitamente.

Advertisements