Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

NSO group: Pegasus rende impossibile spiare gli israeliani

Il capo del produttore di spyware israeliano NSO Group ha affermato che la sua azienda stava vendendo una versione light dello spyware Pegasus alla polizia israeliana, ma a differenza della versione standard, era dotata della possibilità di accedere ai telefoni israeliani.

Ricordiamo che all’inizio di quest’anno i media hanno riferito che la polizia israeliana utilizzava Pegasus da anni per hackerare a distanza gli smartphone dei cittadini del Paese e monitorarli di nascosto.

La sorveglianza, che era di competenza di un ramo speciale del dipartimento di polizia di cyber intelligence SIGINT, è stata effettuata senza l’autorizzazione del tribunale e senza il controllo su quali dati fossero raccolti dai dispositivi.

La polizia ha smentito queste segnalazioni. L’indagine del primo ministro israeliano Naftali Bennett, che ha esaminato i registri della NSO, ha rilevato che i resoconti dei media erano infondati.

Advertisements

Tuttavia, il co-fondatore e CEO di NSO Shalev Julio ha detto alla stazione radio 103 FM di Tel Aviv che la polizia israeliana stava usando “non un Pegasus, ma un sistema chiamato Saifan, che è fondamentalmente una versione leggera di Pegasuscon minori capacità e uno scopo più ristretto.

Secondo Julio, l’NSO ha messo a disposizione, su richiesta del governo, i suoi “registri di controllo” degli israeliani che venivano monitorati dalla polizia. Questo implicitamente riconosceva che Saifan poteva hackerare i telefoni cellulari israeliani, cosa che la NSO aveva a lungo sostenuto che si potesse fare solo con Pegasus.

“Pegasus ha un meccanismo di difesa che impedisce l’uso contro gli utenti israeliani. Ogni licenza venduta all’estero non può essere utilizzata in alcun modo contro numeri israeliani. È così che funziona Pegasus”

ha spiegato la NSO.