Microsoft mette i server "a bagno" per raffreddare i DC Azure.


Le e-mail e le altre comunicazioni inviate tra i dipendenti Microsoft stanno letteralmente facendo bollire il liquido all'interno di un serbatoio di acciaio pieno di server in questo datacenter sulla riva orientale del fiume Columbia.

A differenza dell'acqua, il fluido all'interno del serbatoio a forma di divano è innocuo per le apparecchiature elettroniche e progettato per bollire a 122 gradi Fahrenheit, 90 gradi in meno rispetto al punto di ebollizione dell'acqua.

L'effetto di ebollizione, generato dal lavoro svolto dai server, allontana il calore dai processori dei computer in funzione. L'ebollizione a bassa temperatura consente ai server di funzionare continuamente a piena potenza senza il rischio di guasti dovuti al surriscaldamento.

All'interno del serbatoio, il vapore che sale dal fluido bollente entra in contatto con un condensatore raffreddato nel coperchio del serbatoio, che fa sì che il vapore si trasformi in liquido e piova sui server immersi, creando un sistema di raffreddamento a circuito chiuso.

"Siamo il primo fornitore di servizi cloud che esegue il raffreddamento a immersione in due fasi in un ambiente di produzione", ha affermato Husam Alissa, uno dei principali ingegneri hardware del team Microsoft per lo sviluppo avanzato del data center a Redmond, Washington.

L'implementazione nell'ambiente di produzione del raffreddamento a immersione bifase è il passo successivo nel piano a lungo termine di Microsoft per tenere il passo con la domanda di computer datacenter più veloci e potenti in un momento in cui i progressi affidabili nella tecnologia dei chip per computer raffreddati ad aria sono rallentati.

#redhotcyber #cybersecurity #technology #hacking #hacker #infosec #infosecurity #microsoft #azure

https://news.microsoft.com/innovation-stories/datacenter-liquid-cooling/