Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Presto i dirigenti americani potranno essere spiati nelle loro conversazioni sui messenger

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando nuove regole per l’uso dei messenger nelle aziende in modo che non vengano utilizzati per coprire attività non lecite.

L’interesse del ministero della Giustizia per i messenger è stato annunciato per la prima volta in un memorandum di settembre. 

Nel suo memorandum, il DOJ ha invitato le entità statunitensi ad attuare

“politiche e procedure efficaci che disciplinano l’uso di dispositivi personali e piattaforme di messaggistica di terze parti per garantire l’integrità dei dati elettronici e dei messaggi relativi alle imprese”

in modo che siano disponibili durante le indagini penali.

Il vice procuratore generale ad interim Nicole M. Argentieri ha dichiarato il 1° dicembre che la legge potrebbe presto includere requisiti simili per le app di messaggistica.

Il Dipartimento sta valutando se le aziende che consentono ai dipendenti di utilizzare le piattaforme di messaggistica valutino costantemente le loro politiche rispetto ai loro obblighi legali, compresi quelli relativi alla conservazione delle informazioni, ha aggiunto.

È probabile che i messenger siano soggetti a regole che vietano la “cancellazione impropria di documenti aziendali” e richiedono “un controllo adeguato” delle comunicazioni e dei messaggi personali. 

Argentieri non ha specificato quali regole richiederà il Dipartimento di Giustizia. Ma ha promesso che sarebbero state “chiare e prevedibili”.

Pertanto, il Ministero della Giustizia ha incaricato le organizzazioni di “garantire la corretta gestione e conservazione dei contenuti creati dal personale che utilizza i messenger”.